Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

"aggravamento della situazione emergenziale"

Terremoto, da agosto 23,5 mld di euro di danni
Si tratta di costi strutturali e per l’emergenza

di . Categoria: Abruzzo, Cronaca, Lazio, Marche, Umbria

La terra ha cominciato a ondeggiare come l’acqua di uno stagno, gli alberi, di ogni tipo e dimensione, hanno mosso all’unisono le chiome spoglie: una danza completamente diversa da quella che normalmente imprime loro il vento

Ammontano a 23,5 miliardi di euro i danni del terremoto che dallo scorso 24 agosto ha colpito il centro Italia, di cui 12,9 miliardi si riferiscono ai danni relativi agli edifici privati e 1,1 miliardi di euro agli edifici pubblici.

Questa cifra è comprensiva dei danni strutturali veri e propri, sia pubblici che privati, e dei costi per l’emergenza. Il fascicolo completo, relativo alla stima dei danni e i costi relativi al terremoto in Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo, è stato trasmesso dal Dipartimento della Protezione Civile a Bruxelles per l’attivazione del Fondo di solidarietà dell’Ue.

Queste stime considerano anche le integrazioni arrivate dalle Regioni dopo la scossa del 18 gennaio.

Lo scorso 16 novembre, l’Italia aveva presentato la richiesta di attivazione del Fondo, fornendo una prima stima dei danni e dei costi calcolati fino al 25 ottobre 2016. Le scosse di ottobre e quelle di gennaio hanno costretto, inevitabilmente, il Dipartimento ad integrare la documentazione da presentare a Bruxelles.

Nel dossier iniziale, infatti, erano stati stimati danni e costi pari a 7 miliardi e 56 milioni di euro, di cui 4,9 miliardi riferiti ai danni agli edifici privati e 350 milioni agli edifici pubblici. Inoltre, secondo l’analisi effettuata in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, i danni al patrimonio culturale ammontavano a oltre 541 milioni di euro. Sulla base di questi numeri, la Commissione Ue ha concesso, lo scorso 29 novembre, l’anticipo massimo consentito sul contributo finanziario del Fondo, vale a dire 30 milioni.

Per il Dipartimento, gli eventi susseguitesi dopo il 25 ottobre, “hanno evidenziato un notevole aggravamento della situazione emergenziale”.

15 febbraio 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news