Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

ancora un ko per il presidente usa

Ancora uno stop per il nuovo bando di Trump
Giudice federale delle Hawaii: “Discriminatorio”

di . Categoria: Esteri, Politica

Su delega della Procura Distrettuale di Catania, la Polizia di Stato ha in corso di esecuzione un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di n.7 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa in danno di compagnie assicuratrici e corruzione in atti giudiziari. Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania, che hanno preso le mosse da alcune aggressioni ai sanitari in servizio presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele, hanno permesso di disvelare l’esistenza di un’associazione per delinquere dedita alla consumazione di una serie indeterminata di truffe ai danni di molteplici società assicurative sotto forma di denuncia di falsi sinistri stradali e precostituzione dei relativi elementi di prova, nonché di più reati contro l’Amministrazione della Giustizia - nella specie false testimonianze - finalizzati a realizzare i profitti conseguenti alle simulate denunce di incidenti stradali. I particolari dell’operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso gli uffici della Procura della Repubblica di Catania siti in viale XX Settembre alle ore 10.30.

Non c’è pace per il bando anti immigrazione di Trump. Dopo la bocciatura della prima stesura, arrriva un nuovo stop, stavolta da parte del giudice federale nella Hawaii.

Il provvedimento è stato infatti bloccato temporaneamente a livello nazionale la seconda versione del ‘bando’ sugli ingressi negli Stati Uniti presentato dall’amministrazione Trump. La decisione del giudice Derrick Watson impedisce così l’entrata in vigore nelle prossime ore.

I giudici ritengono il testo discriminatorio sulla base della nazionalità affermando che danneggerebbe i cittadini dello Stato in quanto impedirebbe loro di ricevere visite da parenti provenienti dai sei Paesi a maggioranza musulmani interessati dal provvedimento.

Si imputa inoltre al ‘bando’ un possibile danno al settore turistico per le Hawaii e limiti nella possibilità di accogliere studenti e lavoratori stranieri.

Sono diversi gli Stati dove sono in corso tentativi della magistratura di fermare l’entrata del bando, tra questi il Maryland e lo Stato di Washington.

16 marzo 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news