Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

il dopo voto

Olanda, la vittoria di Rutte rasserena l’Europa
Ma i populisti di Wilders non hanno perso

di . Categoria: Esteri, Politica

andre kroewel, come sarà il nuovo governo olandese, elezioni parlmaentari olandesi risultati e commenti, jean marc avrault, olanda cosa succede dopo le elezioni, roderick veelo, vittoria di rutte in olanda, wilders il pvv guadagna cinque seggi

Le elezioni parlamentari olandesi di mercoledì 15 marzo erano viste da molti osservatori internazionali come un test sul nazionalismo risorgente in Europa: con uno sguardo rivolto ovviamente alle imminenti elezioni in Francia e Germania. Per questo si è parlato alla vigilia di una sfida tra il primo ministro uscente, Mark Rutte, e il populista anti-islamico Geert Wilders. Il partito di Rutte, il liberale di centro-destra VVD, ha ottenuto 33 seggi, restando così di gran lunga il maggiore partito nel parlamento olandese, che di seggi ne conta 150. Il PVV di Wilders è arrivato secondo con 20 seggi; terzi i cristiano-democratici del CDA e i liberal-progressisti del D66, con 19 seggi ciascuno.

Ecco il commento di Rutte di fronte a una folla di supporters festanti: “Il nostro messaggio all’Olanda è passato. Manterremo le nostre promesse e costruiremo un’Olanda sicura, prospera e stabile. E’ stata una notte in cui gli olandesi hanno detto no al populismo”. Wilders, che era stato in testa ai sondaggi per circa 2 anni, ha dichiarato che ovviamente avrebbe preferito che il suo fosse il maggiore partito. Ma ha anche fatto notare che il suo partito ha guadagnato 5 seggi rispetto alle precedenti elezioni aggiungendo: “Non siamo un partito che ha perso. Abbiamo guadagnato seggi. E’ un risultato di cui essere fieri. Rutte non si è liberato di me”.

In effetti Wilders non ha totalmente perso. Fuori dal governo non dovrà fare compromessi e potrà continuare a portare il dibattito olandese nel suo territorio scelto di immigrazione e integrazione. Rutte ha adottato parte della retorica di Wilders durante la campagna elettorale, per esempio dicendo che gli immigrati dovevano rispettare i valori olandesi o andarsene. Sicuramente il VVD ha beneficiato della gestione da parte del primo ministro della crisi con la Turchia, con il rifiuto da parte del governo olandese di permettere a ministri di Ankara di organizzare comizi nei Paesi Bassi rivolti alle locali comunità turche. Ecco l’opinione di Andre Krouwel, professore di scienze politiche ad Amsterdam: “Wilders non voleva andare al governo. Voleva che i due partiti mainstream di centro-destra dicessero le sue stesse cose. E questo l’ha ottenuto”.

Anche l’editorialista politico Roderick Veelo mette in guardia quelli che credono che il populismo di estrema destra sia definitivamente sconfitto: “Rutte ce l’ha fatta ma questo non farà scomparire lo scontento sociale sull’immigrazione incontrollata, il fallimento dell’integrazione e i poteri di Bruxelles”. Grandi vincitori in queste elezioni sono stati anche gli ecologisti di sinistra di SinistraVerde, che sono aumentati da 4 seggi a 14 e potrebbero entrare nella futura coalizione di governo. Disastroso invece il risultato del partito Laburista, che è crollato da 38 seggi a 9. Rutte dovrà ora cominciare il lungo processo per costruire una coalizione di governo, che sarà probabilmente centrata su VVD, CDA e D66 e avrà bisogno di una maggioranza parlamentare di 76 seggi. Se il PVV di Wilders, avverso all’immigrazione e anche all’integrazione europea, fosse arrivato primo ciò avrebbe sconvolto l’Europa. Ecco perché i risultati di queste elezioni olandesi hanno reso felici molti politici europei. Un portavoce di Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea ha parlato di “voto contro gli estremisti” e il ministro degli esteri francese, Jean-Marc Ayrault ha scritto su Twitter: “Congratulazioni all’Olanda per aver fermato l’avanzata dell’estrema destra”.

17 marzo 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news