Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

operazione denominata 'ragnatela'

Guidonia, corruzione e falso: quindici arresti
In manette anche l’ex vice sindaco NOMI

di . Categoria: Cronaca, Lazio

arresti caronia, arresti mafia caronia, Messina arresti, sequestro beni messina, sequestro messina

I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare (12 in carcere e 3 ai domiciliari) e decine di perquisizioni a Roma e nel Lazio. I destinatari dei provvedimenti sono dirigenti e amministratori comunali, imprenditori e professionisti accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata a corruzione, peculato e falso.

Si tratta dell’indagine condotta nei confronti di “un’organizzazione criminale radicata nel Comune di Guidonia Montecelio, dedita stabilmente e da lungo tempo alla perpetrazione di reati contro la pubblica amministrazione”.

Tra gli arrestati anche l’ex vice sindaco Andrea De Palma, Ncd, che è accusato di aver intascato da due imprenditori 50 mila euro in contanti nell’autunno del 2016 e poi sequestrati in un controllo che la Finanza ha finto casuale. Di Palma avrebbe intascato i 50 mila euro (prima tranche) per garantire l’assegnazione diretta di un appalto da tre milioni di euro per il trasporto pubblico e scuolabus.

A quanto si è appreso, in alcuni casi si è accertato come dirigenti e funzionari comunali indagati, procedessero ad affidamenti diretti di opere o prestazioni di valore inferiore alla soglia di legge, a favore di imprenditori compiacenti, eludendo in tal modo le disposizioni del Codice degli Appalti. In altri casi gli investigatori hanno accertato come il Comune risulti aver pagato lavori e servizi mai eseguiti.

In carcere: l’ex segretario generale Rosa Mariani, i dirigenti comunali Angelo De Paolis, Gilberto Pucci e Gerardo Argentino, i funzionari Michele Maccaroni e Maurizio Rocchi, l’ex consigliere comunale di Forza Italia Alberto Morelli e Andrea Di Palma, ex vice sindaco e assessore alla Cultura, accusato di aver intascato una tangente per l’appalto sui trasporti insieme a Massimo Egidi, dipendente della Sap. In cella anche l’imprenditore Francesco Dei, 41enne titolare della Saitrav (anche lui inquisito) avrebbe consegnato una busta con 14 mila euro per il rilascio di un’autorizzazione finalizzata all’apertura di una nuova cava in un’area di due ettari in via Kennedy, a Villalba, e Antonio Sisti, 45enne geometra di Castel Madama e dipendente della ‘Mario Cipriani’, impresa appaltatrice del parcheggio di Montecelio: per il titolare dell’impresa il Gip ha respinto la richiesta di arresto, così come nei confronti di Maurizio P., un imprenditore di Guidonia sospettato di aver elargito tangenti. Arrestato anche per Stefano Ruggeri. Concessi i domiciliari al titolare della Sap Antonio Pompili e ai liberi professionisti Andrea De Felice e Matteo Lombardi.

Nell’operazione, denominata ‘Ragnatela’, sono stati impegnati oltre 160 uomini delle Fiamme gialle.

20 aprile 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news