Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

LA nuova provocazione

Corea del Nord: “Completeremo il programma”
La Casa Bianca: “Pronta un’opzione militare”

di . Categoria: News

Antonov Morozov, corea del nord, Corea del nord minaccia Usa, guerra corea del nord, kim jong un, minacce Usa

La Corea del nord non cede dopo il nuovo lancio missilistico e l’invito delle nazioni occidentali a fermare le provocazioni, Pyongyang risponde a muso duro: “Completeremo il programma nucleare”. Per affrontare la questione è stato convocato nuovamente il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite in via d’emergenza su richiesta di Giappone e Stati Uniti, mentre la Corea del Sud ha già iniziato nuove manovre militari e della marina.

L’Onu condanna fortemente l’azione e invita Pyongyang a desistere: “Di vitale importanza che la Corea del Nord mostri immediatamente un sincero impegno alla denuclearizzazione attraverso azioni concrete, e mostri l’importanza di lavorare per ridurre le tensioni nella penisola e altrove”.

Il tutto avviene a poche ore dal lancio di un nuovo missile che ha sorvolato i cieli dell’isola giapponese di Hokkaido, la più settentrionale, prima di precipitare in mare nel Pacifico Nord. Netta la reazione della Casa Bianca, che attraverso il generale H. R. McMaster parla di opzione militare pronta risolvere un problema “non fra gli Stati Uniti e la Corea del Nord, ma fra il mondo e la Corea del Nord”.

COREA NORD: “VI RIDURREMO IN CENERE”

Il lancio ha allarmato e irritato il Giappone e l’Occidente per la sua ampia gittata, ben superiore alle precedenti e compatibile con quella di un missile intercontinentale: il missile ha viaggiato infatti per 3.700 chilometri (1000 in più del precedente) e precipitando da un’altezza di oltre 700 metri.

Due giorni fa, la Corea del nord aveva annunciato che “le quattro isole dell’arcipelago (giapponese) dovrebbero essere affondate da (una nostra) bomba atomica” come provocazione alle recenti sanzioni approvato dall’Onu. Per il presidente sudcoreano Moon il dialogo con il nord è “impossibile in una situazione come questa” e che il Sud ha le capacità per attaccare e distruggere il nemico “in modo irrecuperabile”.

La posizione di Shinzo Abe, premier giapponese: “La comunità internazionale deve essere unita per fermare le minacce della Corea del Nord e farle intendere che se continua su questa strada non avrà un futuro brillante”.

16 settembre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news