Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

sequestrata un'azienda

Caporalato, paga in base al colore della pelle
Due fratelli finiscono ai domiciliari a Cosenza

di . Categoria: Calabria, Cronaca

un bracciante agricolo muore nelle campagne, puglia muore un bracciante agricolo, foggia muore un bracciante agricolo, nuova morte per un bracciante agricolo in puglia

Due fratelli, titolari di un’azienda agricola, facevano lavorare in nero nella loro azienda migranti africani oltre a romeni e indiani e la paga variava in base al colore della pelle. I “bianchi”, infatti, prendevano 10 euro in più degli altri, 35 euro contro 25 al giorno.

Sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravati dalla discriminazione razziale. Sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai carabinieri della Compagnia di Paola nell’ambito di un’operazione contro il caporalato.

I provvedimenti restrittivi sono stati disposti dal gip del Tribunale di Paola Maria Grazia Elia su richiesta della Procura della Repubblica nell’ambito di un’inchiesta sullo sfruttamento dei rifugiati ospitati nei centri di accoglienza. Ai due fratelli, di 48 e 41 anni, è stata anche sequestrata l’azienda ed altri beni per un valore di due milioni circa.

Dalle indagini, condotte dai carabinieri della Stazione di Amantea, è stato scoperto che i rifugiati, principalmente provenienti dal Nigeria Gambia, Senegal e Guinea Bissau, venivano solitamente prelevati in una parallela del centro di accoglienza “Ninfa Marina” e portati a lavorare nell’azienda agricola dei due fratelli arrestati. I rifugiati africani si trovavano a lavorare nei campi assieme ad altri lavoratori in nero provenienti principalmente dalla Romania e dall’India, ma la paga variava in base al colore della pelle.

22 settembre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news