Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

Infanzia

Come dorme il vostro bimbo? La posizione giusta per la nanna

di . Categoria: Benessere, Salute

corretta-posizione-neonato

La corretta posizione della nanna del vostro bimbo è fondamentale. Una delle cause frequenti di SIDS (morte in culla o morte bianca) infatti è l’errata posizione assunta dal bebè durante il sonno. I pediatri e gli esperti ritengono che il bimbo dovrebbe dormire a pancia in su utilizzando un materasso rigido senza cuscini per ridurre rischi. La posizione prona potrebbe invece ostacolare il controllo del respiro soprattutto nei casi di apnea causando il soffocamento del bimbo in culla.

Comunemente si pensa che la posizione prona aiuti il neonato nella fuoriuscita di eventuali rigurgiti notturni. In realtà è più corretta la posizione supina anche in questo caso. Complice la gravità, il rigurgito proveniente dall’esofago tenderà a ricadere fuori dalle vie respiratorie permettendo al bebè di ritornare a respirare normalmente. Contrariamente, nella posizione a pancia in giù, il materiale gastrico ricadrebbe all’interno della trachea rischiando di causare il soffocamento del vostro neonato.

corretta-posizione-neonato- 2

Molte mamme però notano che il bimbo ha difficoltà a prendere sonno nella posizione supina. L’importante è  non permettergli assolutamente di spostarsi. Utile è favorire il rilassamento con un bagnetto caldo e una poppata prima di prepararlo alla nanna. Nel primo mese di vita è difficile che riesca a cambiare posizione ma ciò può avvenire fra il terzo e il quarto. Per evitarlo potete posizionare degli asciugamani accanto al vostro bambino oppure fasciarlo con lenzuolino e copertina. Infine è consigliabile anche l’utilizzo del ciuccio.

Ciuccio sì o ciuccio no? Consigli sul corretto utilizzo

Dovete inoltre assolutamente evitare di alternare posizione prona e supina per non confondere il piccolo e di cambiare la posizione durante il sonno. E’ stato dimostrato che mantenendo la posizione supina durante nanna  l’incidenza della morte in culla sia stata notevolmente ridotta del 50%-70%.

20 ottobre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news