Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

Animali

La “sindrome del cuore spezzato” si manifesta anche in seguito alla morte del cane

di . Categoria: Salute

sindrome-del-cuore-spezzato

Anche la morte del proprio cane può provocare la “sindrome del cuore spezzato”. La patologia, chiamata anche “cardiomiopatia di Takotsubo”, presenta sintomi del tutto simili a quelli di un infarto. Si manifesta solitamente in seguito alla morte di un congiunto, soprattutto nelle donne che perdono il marito o un figlio.

Ma  la sindrome del cuore spezzato può presentarsi anche in seguito alla dipartita del proprio animale domestico. Lo ha dimostrato il caso di una donna texana di 62 anni descritto sul New England Journal of Medicine. La donna, pochi giorni dopo la morte del suo cane, una mattina si è svegliata avvertendo forti dolori al petto che l’hanno costretta a recarsi presso l’ospedale più vicino. Una volta giunta al Texas Medical Center di Houston gli esami hanno escluso la presenza di un infarto. La diagnosi invece è stata quella di “cardiomiopatia di Takotsubo”, che imita i sintomi dell’infarto e che colpisce solo le donne in seguito alla perdita di un proprio caro.

“A scatenare l’evento è stata la morte del mio Yorkshire Terrier, Meha – racconta Joanie Simpson, la paziente, al Washington Post -. Ero inconsolabile, mi ha veramente colpito molto”. Questa è un’ulteriore conferma del forte legame che si può stabilire con il proprio animale domestico, quasi al pari del rapporto con un proprio familiare.

Leggi anche: 

Il vostro cane sta male? Avete diritto a un permesso retribuito

Uno studio pubblicato sul Veterinary Record ha dimostrato che la malattia di un cane o un gatto causi lo stesso livello e gli stessi segni di stress individuati in chi accudisce un proprio familiare durante una degenza.

 

23 ottobre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news