Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

Legge elettorale

Rosatellum 2.0, il Governo propone cinque fiducie
E Grasso nega il voto segreto sulle pregiudiziali

di . Categoria: Cronaca, Politica

esame legge bilancio 2018, legge bilancio 2018, manovra, manovra 2018, novità legge bilancio 2018

Il governo ha posto cinque questioni di fiducia all’Aula del Senato su sei articoli del Rosatellum 2.0. Lo ha annunciato il ministro per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro. L’Aula ha intanto respinto con alzata di mano le questioni pregiudiziali presentate da M5S e Sinistra Italiana contro la riforma della legge elettorale.

No anche alla questione sospensiva presentata dal M5S che aveva chiesto di votare a scrutinio segreto solo la parte dei rispettivi documenti che riguarda le minoranze linguistiche, materia per la quale il Regolamento del Senato autorizza il voto segreto.

Karl Zelelr commenta ironico: “Grazie colleghi di M5S per l’attenzione alle minoranze linguistiche. Tutti gli emendamenti di M5s sono tutti volti a discriminare le minoranze linguistiche, e non a tutelarle”. “L’eventuale fiducia sulla legge elettorale – commenta Roberto Speranza a Radio Capital – non sarà l’ultimo voto di questa legislatura ma il primo della prossima: vorrà dire che avremo le larghe intese Fi-Pd. Io chiedo al Pd di fermarsi“.

“Una scusa” quella del voto segreto, secondo Cecilia Guerra (Mdp) per mettere la fiducia e blindare così il testo. I lavori della Commissione, che sarebbero dovuti andare avanti ad oltranza per votare tutti i 179 emendamenti sono iniziati con l’illustrazione delle proposte di modifica da parte di M5s, Mdp e Si.

“Noi votiamo contro queste fiducie e quindi come Mdp usciamo anche formalmente da questa maggioranza”, ha affermato la capogruppo di Articolo 1-Mdp, Cecilia Guerra, lasciando la conferenza che è stata convocata per mettere a punto il calendario dei lavori del Senato sulla legge elettorale.

24 ottobre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news