Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

Cultura

Errore di traduzione: il cavallo di Troia non è mai esistito, era una nave

di . Categoria: Costume e società

cavallo-di-troia-non-esiste

Il cavallo di Troia di cui parla l’Odissea di Omero, in realtà era una nave. Secondo lo studioso Francesco Tiboni, archeologo navale e dottore di ricerca all’Università di  Aix-en-Provence e Marsiglia, l’Hippos di cui parla il testo greco era una nave fenicia chiamata così per la polena a forma di testa di cavallo.

Leggenda del cavallo di Troia

La leggenda, narrata prima da Omero e ripresa poi da Virgilio nell’Eneide, è comune a tutti. Odisseo, conosciuto per la sua astuzia, per introdursi nella città di Troia nasconde i soldati greci nella pancia di un cavallo di legno. I troiani, credendo che la prodigiosa scultura fosse un omaggio degli dei lo introducono in città. Approfittando dell’oscurità della notte i greci colgono di sorpresa i nemici e conquistano la città.

La teoria di Fracesco Tiboni

Secondo la teoria di Tiboni, pubblicata su Archeologia Viva l’errore risale al VII sec. a.C. . A quel tempo, delle navi fenicie di cui parla lo studioso, si era persa ogni traccia e incorrendo nel testo greco il termine “hippos” questo veniva tradotto con “equus”, cavallo per l’appunto. Queste traduzioni sono state utilizzate poi da Virgilio che ha diffuso inconsapevolmente l’equivoco del cavallo di Troia.

Seguendo quindi la spiegazione di Tiboni la storia diventerebbe più verosimile. Era infatti più credibile che approdasse sulla spiaggia una nave, destinata per altro al pagamento di tributi (ecco perché considerato voto divino) e che in realtà al suo interno potesse contenere un esercito che, una volta giunto il momento, avrebbe potuto calarsi attraverso i portelli laterali considerati assolutamente poco sospetti.

2 novembre 2017

Un Commento a “Errore di traduzione: il cavallo di Troia non è mai esistito, era una nave”

  • Se la vicenda fosse regolata dalla realtà e dalla logica, perché mai allora i Troiani avrebbero dovuto fare entrare in città una nave, senza nemmeno ispezionarla sottocoperta?
    Parlare di plausibilità non ha senso, in una vicenda in cui l’introduzione del cavallo in Troia avviene in un ambito fantastico in cui intervengono serpenti dagli occhi infuocati, che emergono dal mare, rapiscono infanti, uccidono sacerdoti e poi vanno a nascondersi sotto lo scudo di Pallade Atena, ecc. ecc.
    E Omero non era in grado di dire una parola in più per identificare una barca invece che un cavallo ?
    Prima di dimostrare un “errore di traduzione” molta acqua deve scorrere…

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news