Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

L'ex presidente della regione

Sequestrati 1,3 milioni a Mario Mantovani
“Il pm attacca la mia storia imprenditoriale”

di . Categoria: Cronaca, Lombardia, Politica

accuse Mario Mantovani, caso Mantovani, Mario Mantovani, sequestro ex presidente lombardia, sequestro Mantovani

Nuovi guai per l’ex vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani. Il Nucleo di polizia tributaria della Gdf di Milano ha infatti eseguito un sequestro di beni per oltre 1,3 milioni di euro all’ex numero due del Pirellone già arrestato nell’ottobre del 2015 per corruzione, concussione e turbativa d’asta.

Mantovani è indagato, assieme ad altre 9 persone, per peculato in un nuovo filone di inchiesta coordinato dal pm Giovanni Polizzi. Il sequestro, disposto dal gip Teresa De Pascale, è legato alla sua fondazione e a onlus a lui riconducibili. Le onlus del gruppo Sodalitas e della Fondazione Mantovani, che gestiscono case di riposo e che beneficiano di finanziamenti regionali, avrebbero pagato affitti con contratti fittizi per due immobili riconducibili a Mario Mantovani e alla moglie per un totale di 1,3 milioni dal 2008 fino al marzo scorso.

La Gdf ha sequestrato soldi su conti correnti, la settecentesca Villa Clerici di Rovellasca a Cuggiono (Milano) e un appartamento in via Veniero a Milano. Le onlus pagavano gli affitti con fondi pubblici a una società riconducibile a Mantovani, la Spem, e alla moglie del politico senza usare i locali. Cinque enti versavano 15mila euro ciascuno all’anno per la villa, mentre per l’abitazione sono stati intascati 13mila euro all’anno da ciascuno degli affittuari.

Il nuovo filone di indagine è nato da quello che nel 2015 ha portato all’arresto di Mantovani e di altre persone e al processo che è tuttora in corso. Secondo gli accertamenti, Mantovani (anche indagato per corruzione in un’altra indagine a Monza) da quando è sceso in politica non è più comparso come amministratore delle onlus al centro della nuova indagine. Onlus che invece, secondo l’accusa, sono amministrate da persone del suo entourage, indagate con lui in qualità di “incaricati di pubblico servizio“.

“E dopo l’attacco politico, l’Ufficio del solito pm ora attacca la mia storia imprenditoriale. Questa mattina mi è stato notificato un provvedimento di sequestro di beni. Naturalmente con i soliti giornalisti fuori dall’ufficio. Continuerò a combattere per la mia e nostra libertà”, scrive su Facebook Mario Mantovani in un post dal titolo “Non c’è pace tra gli ulivi“.

 

7 novembre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news