bianchi-luca

PALERMO, 31 GENNAIO 2013 – “Teatrino di vecchia politica”. Dura la reazione dell’assessore regionale all’Economia, Luca Bianchi, per l’ennesimo rinvio della votazione del Dpef 2013/2017.

“I grillini – dice Bianchi – stanno sfruttando un documento fondamentale per lo sviluppo dell’economia siciliana per meri ragionamenti di campagna elettorale”. E scommette: “Vedrete che la prossima settimana il numero legale ci sarà”.

Ma se non si risolverà con uno stop definitivo la questione della costruzione del Muos di Niscemi, i deputati del Movimento 5 Stelle faranno perdere la scommessa all’assessore, perché determinati a portare avanti la loro battaglia. “Loro – continua l’assessore – dovrebbero essere al nostro fianco, ma si stanno lasciando condizionare dalla campagna elettorale”. Proprio questa mattina, invece, il capogruppo M5S, Giancarlo Cancelleri, aveva ribadito che il loro sostegno al governo Crocetta sarebbe terminato qualora i programmi della Giunta non fossero stati condivisi.

A sostegno della battaglia dei deputati di Grillo, anche altri parlamentari regionali. Chi perché condivide la battaglia contro il Muos, chi invece per mera opposizione al Governo.
“Una bomba ambientale – dice il deputato del Pdl Marco Falcone – ecco cos’è il Muos. Crocetta dice di aver dato incarico ai suoi legali per far ricorso al tribunale civile: ma secondo noi è soltanto uno scaricabarile peloso e pilatesco”.
“A dire il vero – dice Nello Musumeci, deputato regionale de La Destra – il mancato raggiungimento del numero legale oggi dipende da noi, che abbiamo voluto evidenziare il perimetro di una maggioranza che non esiste. Ma non possiamo negare che i grillini hanno una pistola puntata alla tempia del centrosinistra di Crocetta”.