incidente A29

PALERMO, 31 GENNAIO 2013 – Non è ancora fuori pericolo la sedicenne che è stata coinvolta questa mattina nell’incidente del pullman sull’autostrada A29, Palermo-Mazara del Vallo all’altezza dello svincolo per Santa Ninfa. Le sue condizioni sono gravi e i medici non hanno ancora sciolto la riserva sulla vita.

La Tac ha mostrato che non ci sono danni cerebrali, ma la liceale è ancora in coma farmacologico. Prima di intervenire chirurgicamente sulle fratture che ha riportato, i medici devono infatti stabilizzare i parametri vitali.

Trasportata con l’elisoccorso all’ospedale Civico di Palermo pochi minuti dopo l’incidente, è stata assistita dai rianimatori del 118 che sono dovuti intervenire d’urgenza due volte nel corso del volo verso il nosocomio. I parenti della ragazza sono già arrivati nel capoluogo e le stanno vicino.

“Abbiamo pensato che saremmo morti tutti – raccontano alcuni compagni di liceo, lo scientifico “Michele Cipolla” di Castelvetrano, che viaggiavano con lei a bordo del pullman –. Stavamo attraversando una galleria, quando il nostro pullman ha tentato di sorpassare un camion e, dopo un contatto, ha sbattuto contro il muro e si è ribaltato. I compagni che si trovavano davanti sono stati sbalzati fuori, attraverso lo squarcio da cui noi poi siamo usciti per metterci in salvo”. La giovane in gravi condizioni probabilmente era seduta proprio nei posti anteriori del mezzo.

Il comandante della Polizia stradale di Trapani, Nicolò D’Angelo, il primo ad arrivare per portare soccorsi, è ancora sul posto a coordinare le operazioni. L’autostrada, nel tratto coinvolto dall’incidente, è stata chiusa fino alle 18. Il traffico, adesso, scorre regolarmente. 

 

Intanto sonostati dimessi tutti gli altri feriti lievi, trane due. Venti ragazzi erano stati ricoverati al pronto soccorso di Castelvetrano, 16 in codice verde e quattro in codice giallo. Altri 11 hanno ricevuto le cure al Pte di Salemi.