Su di lui gravava un mandato d’arresto europeo. Mihai Prodan, romeno di 44 anni, aveva aggredito la moglie causandole gravi ferite e una prognosi di 90 giorni. Poi la fuga in Italia, a Palermo, dove si era creato una nuova vita lavorando come badante nella casa di un anziano di Partanna Mondello.

 E’ stata una segnalazione anonima a mettere gli uomini del “113” sulle tracce del ricercato, sul cui capo grava una condanna di due anni e sei mesi per l’aggressione, che risale al 2009. Incredula la famiglia dell’anziano accudito da Prodan, che ha parlato di una condotta irreprensibile del badante.