Il premier Enrico Letta ha visitato la sinagoga di Roma insieme al presidente Israeliano Benyamin Netanyhau durante la cerimonia dell’Hannukà e ha lanciato il suo messaggio di speranza: “Sono sicuro che la pace in Medio Oriente arriverà perché l’impegno che ci stanno mettendo Israele e il popolo palestinese ci fa ben sperare”.

In effetti a preoccupare il leader israeliano non è la Palestina, ma l’Iran: “Non starò zitto se Israele sarà in pericolo”, ha affermato Netanyhau “L’Iran cerca la bomba atomica ed è un regime che supporta il terrorismo”.

L’estremismo, l’odio e l’intolleranza sono però presenti anche in Italia: “Queste spinte stanno crescendo”, ha detto preoccupare Letta “Resisteremo sempre alla violenza, verbale e fisica, all’intolleranza, alla xenofobia e al razzismo”.