Se il vostro pacco non dovesse essere consegnato nel giorno previsto, la colpa non sarà più dei corrieri: Amazon sta infatti sperimentando la consegna dei propri prodotti in meno di mezz’ora ed entro un raggio di 16 km dal magazzino in cui risiede, utilizzando dei droni aerei telecomandati in grado di trasportare sino a circa 2,3 kg (secondo Bezos, l’86% delle spedizioni rientra in questo peso).

I modelli utilizzati saranno gli “octoper”, dei droni dotati di otto piccole eliche che conferiscono al piccolo velivolo un’ottima stabilità.

Per avviare il sistema si aspetta ancora l’ok della Federal Aviation Administration, l’agenzia che soprintende l’aviazione civile negli Stati Uniti, la quale attualmente vieta l’utilizzo di droni per scopi commerciali e civili.

“Sembra fantascienza, invece è realtà. Un giorno la vista dei velivoli di Prime Air in cielo sarà normale quanto è oggi quella dei furgoni delle aziende di trasporto sulle strade”. Ma è la vista dai velivoli quella che preoccupa: nonostante ancora non sia stato avviato il progetto, iniziano le prime critiche circa le immagini che verrebbero catturate dalle telecamere posizionate sui droni.