Giuseppe Buzzanca, ex sindaco di Messina, è stato rinviato a giudizio. Secondo l’accusa, retta dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita, infatti, Buzzanca avrebbe utilizzato parte dei fondi stanziati per Ecopass, destinati alla mobilità cittadina, per pagare un consulente.

Peculato e abuso d’ufficio, dunque, i reati contestati all’ex sindaco per l'”ingiusto vantaggio” concesso all’ingegnere Lino Girometta, che avrebbe incassato nel gennaio del 2012, un acconto di circa 127 mila euro, per una consulenza legale nel corso della contesa tra Comune e impresa Torno Internazionale.

Il gup di Messina Maria Teresa Arena, ha fissato la prima udienza del processo per il prossimo 5 marzo.