Finisce a San Siro il cammino del Trapani calcio, giunto al quarto turno eliminatorio di Coppa Italia, che seppur sommerso da 3 reti di scarto nel primo tempo, domina nella seconda frazione di gioco, rendendosi più volte pericoloso e andando due volte in rete, con un gol di Caccetta e uno di Madonia, che resteranno nella storia sportiva della città.

Quasi tremila i tifosi granata presenti al Meazza a sostenere la squadra, con centinaia di trapanesi che hanno invaso nel pomeriggio piazza Duomo, tra la curiosità dei milanesi. La società ha addirittura predisposto una linea celebrativa dell’evento. Il rettangolo di gioco ha però messo in luce le differenze di categoria tra le squadre e di classe tra i giocatori. Un Boscaglia poi che ha cambiato ben 10 degli 11 giocatori scesi in campo nell’11 iniziale domenica scorsa in campionato, ampliando ancor più il divario tra le squadre.

La forza fisica di Guarin, che giocava tra le due linee del Trapani ha messo in difficoltà i granata, così come le discese di Pereira sulla sinistra, mentre in avanti troppo solo Iunco, che è sembrato comunque nel primo tempo il più convincente degli ospiti.

Al 4′ segna Guarin su calcio di punizione sul palo coperto da Marcone.

Al 10′ il primo tiro granata verso lo specchio della porta interista da parte di Iunco si perde sul fondo. Al 14′ Terlizzi anticipa Belfodil dentro l’area piccola e pochi secondi dopo su cross  dello stesso algerino, Taider sotto porta sparacchia alto di testa. Al 27′ è Andreolli  che di testa anticipa i difensori granata e devia alta una punizione. Al 30′ su cross di Pereira, è ancora  Belfodil a mandare alto di testa

Al 40′ raddoppio per l’Inter con Belfodil su cross di Pereira che anticipa Terlizzi e mette dentro da pochi passi.

Al 43′ fallo di Iunco su Guarin dentro l’area  e l’arbitro assegna il rigore, segnato da Taider.

Nel secondo tempo la metamorfosi granata che lascia attoniti i nerazzurri. Il primo tiro è del Trapani con Abate che costringe Carrizo a deviare in angolo.

E al 54′ è Caccetta a segnare, beffando la difesa e facendo passare il pallone sotto le gambe del portiere. E’ Pereira  al 63′ a porta vuota a mancare l’aggancio. Un minuto dopo su contropiede Ciaramitaro dal limite dell’aera impatta male la palla e calcia fuori. Bella azione del Trapani al 73′ con Ciaramitaro che manda Basso davanti a Carrizo, ma il granata conclude centralmente. Al 75′ punizione del Trapani, con Basso manda la palla a un metro dal palo del portiere dell’Inter. All’86’ arriva un tiro dell’Inter con Bonazzoli, appena entrato, che però manda fuori.

Ed è Madonia al 90′ a segnare con un bel diagonale, imparabile per Carrizo. Pressing finale dei granata, con un possibilità di pareggio sventata dal portiere nerazzurro. Poi il fischio finale ma anche gli applausi del pubblico.

TABELLINO:

INTER (3-5-1-1): Carrizo; Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus (85′ Donkor); Wallace, Mudingayi, Kovacic (68′ Olsen), Taider, Pereira; Guarin; Belfodil (83′ Bonazzoli). A disposizione: Handanovic, Castellazzi, Rolando, Campagnaro, Jonathan, Zanetti, Cambiasso, Alvarez, Palacio. Allenatore: Walter Mazzarri.

TRAPANI (4-4-2): Marcone; Priola, Martinelli, Terlizzi, Daì; Basso (80′ Madonia), Caccetta, Vitale (50′ Ciaramitaro),  Pacilli; Abate, Iunco (63′ Mancosu). A disposizione: Nordi, Dolenti, Garufo, Pagliarulo, Feola, Crimaldi, Gambino, Vettraino, Djuric.  Allenatore: Roberto Boscaglia

Arbitro: Pinzani di Empoli

Reti: al 4′ Guarin, 40′ Belfodil, 44′ Taider, 54′ Caccetta, 90′ Madonia