Dopo le polemiche degli scorsi giorni finalmente si parla di calcio giocato. Così come temuto da molti supporter azzurri il nuovo sistema di sorteggio consegna al girone dell’Italia una seconda compagine europea, l’Inghilterra di Roy Hodgson, e una big sudamericana, L’Uruguay di Cavani e Suarez. Un girone impegnativo, il girone D, sì, ma non insormontabile, con gli uruguagi, terzi nell’ultima edizione della Coppa del Mondo, micidiali in attacco, ma di certo non imbattibili e con gli inglesi più volte incontrati e battuti dagli azzurri. Chiude il girone la modesta Costa Rica.

UNA PARTITA IN NOTTURNA – Discreta sorte anche in termini chilometrici. La grande distanza, infatti, tra uno stadio e l’altro del Paese carioca è stata additata come nemico numero uno delle favorite alla vittoria del torneo, con squadre costrette spesso a dover coprire distanze abissali. L’Italia dovrà affrontare un lungo viaggio solo tra la prima e la seconda gara, per spostarsi da Manaus a Recife. Il match d’esordio, Italia-Inghilterra, il 14 giugno a Manaus, andrà in scena alle 21 locali, quando nel Belpaese saranno le 2 del mattino del 15 giugno. Italia-Costa Rica, invece, è in programma per il 20 giugno a Recife (ore 13 locali, le 18 in Italia). Chiuderà il girone azzurro Italia-Uruguay, il 24 giugno a Natal.

VITA FACILE PER BRASILE E FRANCIA. La partita inaugurale del mondiale sarà Brasile-Croazia. Nel girone dei padroni di casa anche Messico e i leoni del Camerun. Vita, sulla carta, facile anche per i transalpini di Didier Deschamp, che trovano sul loro cammino Svizzera, Ecuador e Honduras. Pochi patemi anche per l’Argentina, che si trova ad affrontare in un territorio tradizionalmente ostile, quello brasiliano, Bosnia Herzegovina, Iran e Nigeria.

SPAGNA-OLANDA. E per verdetto delle urne del sorteggio il mondiale carioca vedrà tra le gare iniziali anche quella conclusiva dei campionati del 2010. Spagna-Olanda, riedizione della finale dei mondiali di Sudafrica, sarà la gara d’apertura del girone B, che vede impegnate anche Cile e Australia. Cattive nuove, dunque, per Vidal e compagni, che tuttavia promettono di non far sconti ai campioni del mondo e ai loro vice.

 I gironi

A. Brasile, Croazia, Messico, Camerun

B. Spagna, Olanda, Cile, Australia

C. Colombia, Grecia, Costa d’Avorio, Giappone

D. Uruguay, Inghilterra, Costa Rica, Italia

E. Svizzera, Ecuador, Francia, Honduras

F Argentina, Bosnia Herzegovina, Iran, Nigeria

G. Germania, Portogallo, Ghana, USA

H. Belgio, Algeria, Russia, Corea
GUARDA LE FOTO DELLA CERIMONIA

GUARDA LE FOTO DEGLI AVVERSARI DELL’ITALIA