fecarotta
fecarotta

Piazza Magione, nel cuore di Palermo, all’interno del quartiere Kalsa, è da tempo uno dei luoghi più a lungo dimenticati della città, ma da qualche anno è diventata oggetto di una lenta ma inesorabile trasformazione. Circondata dai luoghi in cui è stata scritta la storia di Palermo e dei suoi abitanti, la piazza è di recente “formazione”: essa, infatti, si è delineata nella sua forma attuale soltanto nel secondo dopoguerra, quando i bombardamenti hanno raso al suolo molti dei palazzi che circondavano l’antico convento che oggi si erge solitario al centro dello spazio.

Sono soprattutto i privati che stanno restituendo nuova vita a questo spazio urbano, attraverso la ristrutturazione degli storici palazzi che ancora circondano l’area della piazza. Come nel caso di Palazzo Statella Spaccaforno. Edificato nel XVI secolo, fu la residenza della famiglia Statella, giunta in Sicilia dalla Francia agli inizi del 1300. Distrutto a seguito dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, il Palazzo è stato oggetto, negli ultimi anni, di un’opera di restauro e ristrutturazione che ha permesso di farlo rivivere in tutto il suo splendore.

“L’opera di restauro è stata attenta e scrupolosa; un giusto connubio tra storia e modernità – dice Armando Fecarotta, reaponsabile dei lavori che hanno permesso di ricavare undici residenze all’interno del palazzo. – L’antico stile del Palazzo è stato infatti mantenuto e messo insieme alle più moderne tecnologie architettoniche e ingegneristiche. Un vero esempio di rinascita di Palermo”.

La ditta che ha restaurato, ristrutturato, rifinito e diviso in appartamenti Palazzo Statella Spaccaforno, tutte con terrazzi (alcuni dei quali sulla splendida piazza Magione) si è occupata anche di ripavimentare lo spazio calpestabile antistante, piazza Sant’Euno, ovvero la sola piazza che esisteva anche prima della seconda guetra mondiale. “Ora speriamo soltanto che l’amministrazione comunale – conclude Fecarotta – faccia quello che aveva promesso, ovvero ripristini il verde, controlli la zona e sistemi l’impianto elettrico”.