diego_costa_atletico_madrid

Nessuna sorpresa nella seconda serata dell’ultimo turno di Champions League. Nel gruppo E al Chelsea basta un solo gol di Ba dopo 10 minuti per avere la meglio su una Steaua Bucarest già eliminata e senza obiettivi di classifica. Lo scontro da dentro o fuori tra Schalke 04 e Basilea poneva già gli inglesi in posizione di vantaggio, senza contare l’evidente superiorità tecnica degli inglesi sui romeni.

Nel match di Gelsenkirchen passano in scioltezza i padroni di casa con un uno-due di Draxler e Matip a inizio ripresa. Il Basilea vede sfumare così, proprio sul traguardo, la sua qualificazione. L’Atletico Madrid, nel gruppo G, non si accontenta della qualificazione già ottenuta e passa come un rullo compressore su quello che rimane del Porto. Raul Garcia e Diego Costa già nel primo tempo segnano le due reti che bastano agli spagnoli per fregiarsi del titolo, puramente onorifico,di miglior squadra dei gironi con 16 punti conseguiti su 18.

Onore messo in campo anche dall’Austria Vienna già eliminato ma che non concede nulla a uno Zenit San Pietroburgo che deve ringraziare la sportività dell’Atletico Madrid per la qualificazione ottenuta. Un 4-1 in rimonta che la dice lunga sul piglio messo in campo dagli austriaci, che non si sono disuniti dopo il vantaggio di Kerzhakov e hanno giocato una partita vera fino al novantesimo. Un buon modo per salutare i propri tifosi, viste le difficoltà per le austriache di entrare nei gironi di Champions.

Nei gruppi delle italiane il Borussia Dortmund trova vittoria e qualificazione a tre minuti dal fischio finale con il 2-1 di Grosskreutz, una rete che fa crollare i sogni dei tifosi del Napoli, in vantaggio sull’Arsenal. Gara di grande sofferenza per i vicecampioni in carica che hanno trovato di fronte un Olympique Marsiglia tutt’altro che rinunciatario. La buona volontà però non basta nel calcio e i francesi chiudono mestamente in ultima posizione con sei sconfitte su sei partite.

Infine il Barcellona si diverte al Nou Camp contro il Celtic Glasgow, rimandato in Scozia con un 6-1 tennistico. È la serata di Neymar, autore di una tripletta e sempre più a suo agio nel calcio europeo. Piquè, Pedro Rodriguez e tello completano il quadro prima del gol della bandiera di Samaras arrivato all’88’.

Vince il Napoli con le reti di Higuain e Callejon, insufficienti per superare il turno. La classifica avulsa nei confronti di Borussia Dortmund e Arsenal condanna i partenopei. Al Milan, invece, basta uno 0-0 conseguito soffrendo per aver giocato 70 minuti in 10 a causa dell’espulsione di Montolivo.

I sorteggi degli ottavi si terranno lunedì mattina a Nyon alle 11:45. Il Milan, unica italiana rimasta, troverà sul suo cammino  una tra: Manchester United, Bayern Monaco, Real Madrid, Chelsea, Borussia Dortmund, Paris Saint Germain e Atletico Madrid.