sciopero professore archittetura palermo

Dopo avere passato la notte in catene all’interno dell’atrio della Facoltà di Archittettura,il professore Tito Panzeca spiega “e se sarà necessario resterò qui ad oltranza, anche a Natale e Capodanno” e prosegue la protesta iniziata ieri dopo che il Senato Accademico, stabilendo i criteri per l’assegnazione di 23 dei 36 posti di ricercatore disponibili, ha lasciato fuori proprio la sua materia. Uno “scippo”, secondo Panzeca, che si è incatenato “contro le ingiustizie e i baronati”.

E dopo la replica del Rettore dell’Ateneo palermitano Roberto Lagalla, che ieri ha rassicurato sulla regolarità delle procedure (“il settore scientifico del professore Panzeca si è collocato ultimo tra le 4 proposte della Facoltà, ma i posti erano solo 3. Le baronie? Una logica alla quale non appartengo”), oggi Panzeca ha ribattuto. In una lettera indirizzata al Rettore, al Senato Accademico e alla presidenza di Architettura, Panzeca rileva come il cambio dei criteri valutativi – e il conseguente capovolgimento della graduatoria, che ha fatto scivolare Scienza delle Costruzioni dal primo al quarto posto – sia avvenuto nella seduta del Consiglio di Facoltà del 13 novembre scorso, e in base al verbale la decisione sarebbe arrivata “dopo ampia discussione”.

“Ero presente a quella seduta, e con me c’erano molti altri docenti – scrive Panzeca nella lettera – sono certo che non ci sia stata alcuna discussione in merito”. Secondo Panzeca inoltre, vi sarebbe un errore materiale nel calcolo del “parametro R” (rapporto tra la valutazione locale dei prodotti e quella nazionale) per Tecnologia dell’Architettura, valutato con il punteggio di “1,002” e quindi posizionato al primo posto tra le materie di architettura.

“Nella valutazione ANVUR per il voto medio locale dei prodotti risulta pari a 0,38, mentre il voto medio nazionale risulta 0,45: il rapporto tra questi due valori da come risultato ‘0,844’, non ‘1,002’. Un coefficiente inferiore – aggiunge Panzeca – che retrocederebbe la materia nella lista dei posti di ricercatore da assegnare”. Panzeca chiede dunque di “fare chiarezza e ristabilire la veridicità nelle graduatorie e nel merito”. Ieri sera un gruppo di studenti è rimasto con il docente fino a tarda sera, e dopo la chiusura dei cancelli i giovani sono rimasti fuori dalla struttura. E oggi è partito il tam-tam fra gli studenti: si sono dati appuntamento stasera, nell’atrio della Facoltà di Architettura, in segno di solidarietà.