condanne alitalia baldassarre valori

L’ex presidente della Consulta, Antonio Baldassarre e l’ex presidente degli Industriali Lazio, Giancarlo Elia Valori, sono stati condannati dal tribunale di Roma a due anni di reclusione per il reato di manipolazione del mercato in relazione alla fallita scalata ad Alitalia.

Anche i manager Claudio Prati e Danilo Dini, ex consulenti della società Sviluppo del Mediterraneo, la finanziaria legata a Valori, sono stati condannati a un anno e quattro mesi di reclusione per gli stessi fatti.

Baldassarre e Valori sono stati condannati al pagamento di una multa pari a 300 mila euro ciascuno, mentre Dini e Prati a 160 mila euro a testa. Il tribunale ha disposto per tutti la sospensione temporanea dai pubblici uffici per un anno e la pubblicazione per estratto della sentenza sulle edizioni on line del Corriere della Sera e del Sole 24 ore.

Nel disporre il risarcimento dei danni in solido a favore delle parti civili costituite (cinque mila euro per Federconsumatori Campania, dieci mila per Codacons e 100 mila euro Consob), il collegio giudicante ha subordinato la sospensione della pena inflitta agli imputati al pagamento dello stesso entro il termine di tre mesi.