I carabinieri di Bari, durante le operazioni di controllo scaturite negli ultimi giorni nel quartiere San Paolo ha arrestato quattro persone e messo sotto sequestro diverse armi da fuoco. Le indagini dei militari hanno interessato anche le periferie del capoluogo pugliese dove sono state controllate le abitazioni di decine di persone agli arresti domiciliari e diversi sorvegliati speciali.

I militari dell’Arma, con il supporto delle unità cinofile, hanno setacciato le cantine e i condomini trovandovi all’interno di un vano scale due pregiudicati vicini al clan mafioso “Montani-Telegrafo”. I due uomini avevano con se due pistole, una calibro 9 e una 7.65 corredate dalle munizioni, due giubbotti antiproiettile, due paia di guanti, due cappelli e un passamontagna.

Un 38enne è stato arrestato nella sua casa della periferia di Bari, l’uomo era incaricato di tenere nascoste, nella sua casa, 3 riproduzioni di pistole semiautomatiche calibro 7,65 con canna modificata per renderle “reali” e permettergli di sparare veri proiettili. I carabinieri, nel nord della città, hanno infine arrestato un giovane 19enne sorpreso con una pistola calibro 9 di produzione jugoslava.