Geri Ferrara e Claudio Camilleri che hanno aperto un'inchiesta sul decesso, ipotizzando si sia trattato di un omicidio. Ma il "responso" del consulente della Procura, che ha depositato la sua relazione, non chiude il caso.

Disposta una nuova autopsia sul cadavere di Mario Biondo, il cameraman palermitano morto il 30 maggio scorso a Madrid. La salma verrà riesumata lunedì prossimo su richiesta del pm Geri Ferrara, che ha aperto un fascicolo dopo l’esposto dei familiari della vittima, assistiti dall’avvocato Toni Palazzotto.

La Procura vuole vedere chiaro su quello che le autorità spagnole hanno classificato come suicidio e per questo saranno analizzati anche i pc in possesso della famiglia. Mentre il cellulare e un computer portatile sono ancora nelle mani della moglie di Biondo, Raquel Sanchez Ilva, famosa conduttrice televisiva spagnola.

Il cadavere di Mario Biondo fu trovato dalla domestica il giorno dopo la morte. Era nel salone della sua casa a Madrid con una pashmina di seta legata al collo e fissata a una libreria di metallo. Secondo la ricostruzione delle autorità spagnole, Mario Biondo era in piedi, con le ginocchia leggermente piegate.

L’uomo aveva lavorato come cameraman per l’Isola dei Famosi, il popolare programma televisivo condotto da Simona Ventura. Poi era andato a Madrid dove aveva trovato posto nella troupe per la versione spagnola del reality show.

Durante le riprese in Honduras aveva conosciuto la famosa Raquel. Una passione travolgente culminata nel matrimonio celebrato a Taormina (Me). Ed era anche arrivata la grande proposta: la regia di un programma per Telecinco. La notte del decesso la vittima aveva chattato su Facebook e Whatsapp con i fratelli. C’è traccia dei contatti sul suo pc fino alle 24.06. E’ lo stesso computer su cui ha lavorato fino all’1.18. La morte viene collocata intorno alle 4 del mattino.