palermo-Bologna 1-1 sotto indagine della Procura di Cremona. Calcioscommesse

Il ciclone calcioscommesse che sta sconvolgendo il mondo del pallone professionistico potrebbe travolgere anche il Palermo. Tra le partite sulle quali starebbe indagando la Procura di Cremona ci sarebbero anche Palermo-Bologna e Palermo-Inter dello scorso campionato.

La prima terminò 1-1 e vide il portiere rosanero, Sorrentino, protagonista di un errore davvero grossolano in occasione della rete del pareggio rossoblu di Gabbiadini. La seconda vide il Palermo avere la meglio su un’Inter allo sbando che in quell’occasione perse il suo capitano, Javier Zanetti, per infortunio.

Giuseppe Sannino, allenatore dei rosanero nelle partite in questione, respinge ogni possibile accusa di partite sospette: “Mi basta vedere la mia faccia sospetta al di là della rete, dopo essere stato espulso – ha dichiarato ai microfoni di Radio Sportiva -, per ricordarmi di come Palermo-Inter fu una partita vera. Volevo solo vincerla e questi sospetti mi sembrano strani. L’intera vicenda relativa al calcioscommesse mi appare molto strana. Estranea completamente al mio modo di essere e pensare. È una cosa che mi fa male e che mi stupisce sempre di più”.

Il tecnico ha parlato di Palermo-Bologna a Stadionews24: “Io sono ancora arrabbiato per quel gol che abbiamo preso, che ha sancito il percorso che si è materializzato – ha detto Sannino riferendosi all’errore di Sorrentino che ha permesso al Bologna di segnare – ero incazzatissimo, poteva esserci un prosieguo migliore ma è stata una partita giocata a più non posso. Quelle due partite sono l’emblema di una squadra che voleva fare un miracolo”.

Lapidario il commento del presidente Maurizio Zamparini: “Sono tutte sciocchezze” ha detto all’Ansa a proposito delle due partite sospette. Tra i giocatori coinvolti ci sarebbe anche Claudio Terzi, centrale rosanero allora in forza al Siena. L’agente Vincenzo Rispoli ha cercato di chiarire la situazione del suo assistito a Calciomercato.it:  “Non esiste alcun problema e si tratta di situazioni pregresse. Sono aspetti legati al 2011 per i quali abbiamo già ottenuto i nostri successi in materia sportiva, i soggetti in causa non sono pochi ed è abbastanza normale che le indagini stiano proseguendo essendo state estese fino al maggio del 2014. Tutto questo non riguarda assolutamente la situazione attuale di Claudio Terzi”.