Aggiornato alle: 17:02

Napoli, gli ultrà ordinavano furti e rapine: tra le vittime Cavani e Hamsik

di Redazione

» Campania » Napoli, gli ultrà ordinavano furti e rapine: tra le vittime Cavani e Hamsik

Napoli, gli ultrà ordinavano furti e rapine: tra le vittime Cavani e Hamsik

| martedì 17 Dicembre 2013 - 09:47
Napoli, gli ultrà ordinavano furti e rapine: tra le vittime Cavani e Hamsik

Da anni i calciatori del Napoli subiscono furti e rapine: al processo per la rapina subita da Valon Behrami, che il 20 dicembre scorso è stato privato del suo Rolex da Raffaele Guerriero, si apre unos quarcio nel velo della criminalità della città partenopea. La matrice dei colpi contro i calciatori sarebbe un gruppo di ultrà.

I tifosissimi infatti non sarebbero riusciti a mandare giù il rifiuto dei loro idoli: spesso i calciatori disertavano le manifestazioni organizzate degli ultrà. A raccontare il retroscena è il collaboratore di giustizia Salvatore Russomagno.

Berhami al processo di lunedì 16 dicembre ha riconosciuto il ladro che gli rubò l’orologio, ribadendo però di non avere legami diretti con i gruppi ultrà.

Sono tanti i calciatori e i familiari colpiti: la moglie di Cavani Maria Soledad venne scippata da un orologio Piaget da 18 mila euro. La moglie di Hamsik e sorella di Gargano, Martina, fu rapinata di una Bmx X6. Poi arrivò il furto in casa Cavani e la rapina ai danni dell’ex attaccante azzurro Lavezzi.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it