schede elettorali distrutte siracusa

Una perdita nel sistema fognario del tribunale di Siracusa avrebbe distrutto le schede elettorali per le regionali del 2012 sulle quali doveva essere compiuta una verifica per l’assegnazione di un seggio all’Assemblea regionale. Ne ha dato notizia Giuseppe Gennuso, candidato nella lista del Mpa.

Per una differenza di 93 voti il seggio è stato assegnato al candidato del Pid-Cantiere popolare, Pippo Gianni. Gennuso ha però presentato ricorso segnalando irregolarità in diverse sezioni. Il Tar in prima istanza e il Cga in appello hanno disposto una verifica sulle schede di sedici sezioni elettorali di Avola, Rosolini, Pachino e Floridia. Ma le operazioni, affidate a un funzionario della Prefettura, non possono più essere svolte. Gennuso e i suoi legali hanno detto che il materiale elettorale, danneggiato per una perdita al sistema fognario, è stato danneggiato e quindi mandato in discarica.

“Mi sembra strano – ha detto Gennuso – che un’infiltrazione possa avere provocato danni così gravi. In ogni caso chiedo ogni spiegazione”. Gennuso ha annunciato che tra domani e lunedì protesterà incatenandosi davanti alla Prefettura di Siracusa.