cristina d'alessandro resta in carcere, amnistia russia, liberi attivisti greenpeace in russia tranne l'italiano, attivista greenpeace italiano ancora in carcere in russia, nessun interprete russia, amnistia russia, greenpeace, arctic sunrise

Cadute  in Russia le accuse di teppismo contro i membri della nave di Greenpeace fermati per una protesta nell’Artico, ma per l’italiano Cristian D’Alessandro non è stato un felice Natale: è per lui l’unica eccezione, a causa della mancanza di un interprete.

Tutto rinviato per il nostro connazionale, che dovrebbe ripresentarsi oggi davanti alle autorità russe: i procedimenti penati sono stati chiusi con l’approvazione in Parlamento dell’amnistia, che ha portato anche alla scarcerazione delle Pussy Riot.

La portavoce di Greenpeace Violetta Ryabko ha spiegato che i membri stranieri della nave Arctic Sunrise, arrestati a settembre, hanno già chiesto i visti per lasciare la Russia. Per D’Alessandro però le tempistiche potrebbero essere diverse.