pubblicita_cattedrale_palermo

La Vat srl potrà continuare i lavori nel portico della Cattedrale di Palermo. Lo ha deciso il Tar accogliendo il ricorso dell’azienda contro il Comune di Palermo che aveva negato una nuova autorizzazione dopo le polemiche sorte per il posizionamento di maxi cartelloni pubblicitari sulla facciata della Cattedrale: quei cartelloni dovevano servire, secondo gli accordi, a finanziare i lavori di ristrutturazione del portico.

“È il più bel regalo di Natale per la città”, ha commentato il fondatore della Vat, Giuseppe Giunta, che ha annunciato la ripresa dei lavori per il prossimo 8 gennaio.

Soddisfatta anche la Curia che più volte aveva detto di essere molto preoccupata per le condizioni di sicurezza del portico, sottolineando come non avesse fondi propri a disposizione per i lavori. “Non è una sentenza che deve risolvere questo problema – dice Lina Bellanca, architetto della Soprintendenza dei Beni culturali. – La questione pubblicità va affrontata alla radice e ci aspettiamo al più presto dal Comune un segnale in questa direzione, visto che il piano della pubblicità non è ancora andato in porto”.

E un regolamento è proprio quanto ha annunciato l’assessore comunale alle Attività produttive, Marco Di Marco. “Un tema delicato, su cui oltre alle relazioni degli uffici serve la collaborazione diretta del sindaco”.