ultimo cenona, post beppe grillo, grillo ultimo cenone napolitano classe politica, grillo contro napolitano, contro discorso grillo napolitano

Beppe Grillo non abbandona certo le vecchie abitudini con l’arrivare dell’anno nuovo, anzi. Il suo post di fine anno  lancia l’ultimo durissimo attacco del 2013 alla classe politica italiana e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La foto utilizzata dal leader del Movimento 5  stelle già lascia presagire il tono della sua invettiva: Grillo si è lanciato nel fotomontaggio dell’Ultima cena di Leonardo da Vinci dissacrata dalle facce dei protagonisti della politica. Poi la scritta: “L’ultimo cenone”.

“Un augurio sincero a questa classe politica di gustarlo fino in fondo. Potrebbe essere l’ultimo”, scrive il comico genovese. “L’ultimo cenone potrebbe ben rappresentare, sempre metaforicamente si intende, l’ultimo pasto dei condannati a morte ai quali non si nega nulla prima della fine”.

Ma il principale bersaglio di Grillo è il presidente Napolitano: a Grillo non bastava il contro discorso durante l’intervento di fine anno di Napolitano. “Chi non ha fede nella Repubblica dei Partiti e nei suoi trombettieri è un povero miscredente, un populista, un terrorista mediatico, un potenziale camorrista, un neo brigatista. Non si mette in dubbio la parola del Signore quando il suo nome è Napolitano”.

Poi Grillo si lancia nella citazione biblica: “Ci hanno venduto per trenta denari, ma ora li chiamano euro. Hanno distrutto l’ambiente e lo chiamano progresso. Hanno corrotto le nostre anime con il consumismo e lo chiamano sviluppo”.