Aggiornato alle: 12:40

La Lega e Maroni aprono alla marijuana, ma arriva la smentita | Il governatore: “Un retweet sbagliato di un collaboratore”

di Alessandro Amato

» Lombardia » La Lega e Maroni aprono alla marijuana, ma arriva la smentita | Il governatore: “Un retweet sbagliato di un collaboratore”

La Lega e Maroni aprono alla marijuana, ma arriva la smentita | Il governatore: “Un retweet sbagliato di un collaboratore”

| martedì 07 Gennaio 2014 - 09:11
La Lega e Maroni aprono alla marijuana, ma arriva la smentita | Il governatore: “Un retweet sbagliato di un collaboratore”

Una frase forte, ad effetto. Un tweet sorprendente dell’assessore lombardo all’Agricoltura, Gianni Fava, spiega “Credo valga la pena cominciare a parlarne seriamente. Il proibizionismo ha fallito”. In questo modo sembra aprirsi, anche nel partito di Maroni, il dibattito sulla legalizzazione della cannabis. Ma il tweet dell’assessore ha subito ricevuto un retweet, la ripubblicazione del contenuto, da parte di Roberto Maroni. Stupore.

Passano poche ore e arriva  la smentita del presidente: “Un mio collaboratore ha retwittato per errore il commento di Fava. È giusto discutere ma non condivido questa apertura”. Così, invece che una rivoluzione “verde” quella della Lega è stata una scivolata informatica. Eppur si muove.

Nonostante, infatti, la posizione di Fava rappresenti una novità all’interno del Carroccio, il partito non è nuovo ad importanti aperture “libertarie” come la legalizzazione della prostituzione e posizioni di apertura nei confronti della cannabis da diverse parti del movimento. Ma la Lega nord fu anche uno dei partiti che votarono per l’approvazione della legge Fini-Giovanardi che equiparò le sanzioni per il consumo di droghe leggere e pesanti.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it