Le metafore di Crocetta e il suo sogno… d’amore

di Redazione

» Politica » Le metafore di Crocetta e il suo sogno… d’amore

Le metafore di Crocetta e il suo sogno… d’amore

| venerdì 24 Gennaio 2014 - 17:39
Le metafore di Crocetta e il suo sogno… d’amore

“Sogno un giorno di viaggiare in treno e di innamorarmi di un viaggiatore sconosciuto, di uno a caso”. L’incredibile affermazione del presidente della Regione Crocetta ha fatto sorridere (anche sconcertare) molti deputati che oggi in Aula a Palazzo dei Normanni – nel corso di una seduta d’Aula molto tesa – discutono di tutti i risvolti connessi al gravissimo strappo provocato dalla bocciatura da parte del Commissario dello Stato alla maggior parte degli articoli della Finanziaria.

La frase di Crocetta – palesemente fuori tema – giunge dopo una replica che ha toccato il tema delle auto blindate, la necessità di una nutrita scorta di autoblindate e il desiderio di potersi muovere liberamente, anche in treno, senza bisogno di sorveglianza.

Nei suoi interventi, il governatore della Sicilia non ha risparmiato metafore e figure retoriche, come quella sui minori, contenuta in una dura arringa contro lo Stato: “Il commissario ci taglia i fondi per i ricoveri, per i disabili, per i disagiati in finanziaria? Bene, lo Stato ora si occupi dei minori, perché certamente non saremo noi a mandarli nelle fogne come in Romania”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820