Aggiornato alle: 18:47

Guardare film porno fa rimpicciolire il cervello: le scene di sesso consumano la materia grigia

di Matilde Speciale

» Salute » Guardare film porno fa rimpicciolire il cervello: le scene di sesso consumano la materia grigia

Guardare film porno fa rimpicciolire il cervello: le scene di sesso consumano la materia grigia

| domenica 01 Giugno 2014 - 09:16
Guardare film porno fa rimpicciolire il cervello: le scene di sesso consumano la materia grigia

Guardare film porno potrebbe far rimpicciolire il cervello. Altro che perdere la vista, le conseguenze a quanto pare sono molto più gravi di quanto sembra. E non solo: guardare film pornografici potrebbe anche causare l’affievolimento delle risposte agli stimoli amorosi.

A quanto pare il cervello reagisce alla visione di materiale pornografico riducendo le sue dimensioni. A spiegarlo sono stati i ricercatori del Max Planck Institute for Human Development che hanno “studiato” 64 uomini che mediamente dedicano quattro ore alla settimana alla visione di film erotici.

I risultati, pubblicati sulla rivista “Jama Psychiatry”, hanno dimostrato che consumo di immagini e video sessualmente espliciti potrebbero avere una qualche associazione con il network cerebrale frontostriatale, che include funzioni come prendere decisioni, prestare attenzione e memorizzare.

Gli scienziati hanno esaminato i cervelli degli uomini mediante risonanza magnetica per immagini mentre osservavano immagini pornografiche da siti web e immagini con contenuti non espliciti.

Durante la visione di scene di sesso, i loro cervelli mostravano una ridotta funzionalità nella parte del cervello responsabile della motivazione, il che suggeriva la presenza di un più piccolo volume di materia grigia.

“Gli individui con un minor volume dello striato potrebbero aver bisogno di maggiori stimolazioni esterne e potrebbero trovare il consumo della pornografia più soddisfacente”, scrivono gli autori.

Saranno effettuati ulteriori studi per capire se la mancanza di materia grigia sia o no una causa o un effetto di maggior consumo di materiale pornografico.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it