Aggiornato alle: 14:01

Langhe e Monferrato patrimonio dell’Unesco

di Maria Teresa Camarda

» Cultura » Langhe e Monferrato patrimonio dell’Unesco

Langhe e Monferrato patrimonio dell’Unesco

| domenica 22 Giugno 2014 - 17:20
Langhe e Monferrato patrimonio dell’Unesco

I paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, in Piemonte, sono Patrimonio mondiale dell’umanità: il sì definitivo alla candidatura è arrivato dal comitato dell’Unesco riunito a Doha, nel Qatar. Il sito riconosciuto dall’Unesco è di tipo seriale, ovvero costituito da sei aree articolate all’interno dei confini delle Province di Alessandria, Asti e Cuneo e di 29 Comuni per un’estensione complessiva pari a 10.789 ettari.

Per Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte, “questo è un punto di partenza e non di arrivo”. L’Unesco ha riconosciuto il valore storico, naturalistico e culturale di una terra che “per le grandi qualità estetiche incarna l’archetipo di paesaggio vitivinicolo europeo”.

È il riconoscimento di un cammino partito dieci anni fa quando si decise la candidatura e che arriva in un momento decisivo per la viticoltura italiana e piemontese con l’export che dopo anni in cui a malapena “ha tenuto” tenta il rilancio coi primi barlumi di ripresa.

Tra gli altri è diventata patrimonio dell’umanità dell’Unesco la Grotta di Chauvet, uno dei più importanti siti preistorici nel sud della Francia, la cittadella di Ebril, cuore del Kurdistan iracheno, e il Cammino degli Incas,  capolavoro di ingegneria preispanica che attraversa l’America del Sud da nord a sud toccando anche i 5.000 metri d’altitudine e sei Paesi: Perù, Cile, Colombia, Ecuador, Argentina e Bolivia.

(Foto di Anna Wood)

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it