Aggiornato alle: 00:35

Tagli a Montecitorio, scontro Boldrini-Vecchio | Il presidente: “Getta fango sulle Istituzioni”

di Maria Teresa Camarda

» Politica » Tagli a Montecitorio, scontro Boldrini-Vecchio | Il presidente: “Getta fango sulle Istituzioni”

Tagli a Montecitorio, scontro Boldrini-Vecchio | Il presidente: “Getta fango sulle Istituzioni”

| mercoledì 01 Ottobre 2014 - 16:14
Tagli a Montecitorio, scontro Boldrini-Vecchio | Il presidente: “Getta fango sulle Istituzioni”

Il presidente della Camera, Laura Boldrini, si è infuriata dopo gli attacchi di un deputato di Scelta civica, Andrea Vecchio, che, senza peli sulla lingua, ha attaccato i tagli agli stipendi dei dipendenti della Camera, decisi ieri dal Ufficio di Presidenza. “Il Parlamento è impegnato in una delicata azione di riordino delle retribuzioni dei dipendenti – ha detto Boldrini – che incide in modo profondo sugli stipendi”.

“Si tratta di tagli fasulli – aveva scritto il parlamentare di Scelta civica in una nota dai toni taglienti – di un’inaccettabile presa in giro di tutti quegli italiani che sperano ancora nell’onestà della politica e dell’indotto dei palazzi del potere. Come al solito, si sono mantenuti i privilegi e gattopardescamente si cambia tutto per non cambiare niente. È già gravissimo che l’entrata in vigore del provvedimento sia fissata al lontano 2018. Ma, soprattutto, è intollerabile che il tetto dello stipendio verrà considerato al netto dei contributi previdenziali e delle varie inspiegabili indennità di funzione e con l’introduzione di un incentivo di produttività per i dipendenti che lo abbiano superato. Il che significa che molti dipendenti della Camera – aggiunge – senza alcuna preparazione specifica continueranno a superare abbondantemente il famoso tetto dei 240.000 euro annui. Vale a dire che un commesso con qualche decina d’anni di servizio, guadagnerà ancora più del presidente del Consiglio dei ministri, più di un astronauta, di un primario di chirurgia oncologica o di un ingegnere. Insomma, se possibile sarà ancora peggio di prima, perché al danno si è unita la beffa”.

“C’è chi la pensa in altro modo e può ritenere che si dovesse fare qualcosa di diverso. Ma nessuna differenza di opinione può legittimare le parole che di Vecchio (Sc)  – attacca il presidente di Montecitorio – che si mostra disinformato e si permette espressioni offensive con le quali non esita a gettare fango su chi lavora per le Istituzioni”.

Anche il gruppo di Scelta civica ha preso le distanze dal deputato: “Il gruppo di Scelta Civica per l’Italia intende precisare che il comunicato di ieri dell’on. Andrea Vecchio è stato fatto a titolo esclusivamente personale. A prescindere dai contenuti di merito relativi al taglio dei costi della Camera, sui quali ogni partito e ogni parlamentare può legittimamente esprimere le proprie opinioni, il gruppo si dissocia completamente dai toni utilizzati dal collega Vecchio nei confronti del personale”. 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it