Aggiornato alle: 07:41

Maltempo, paura per una frana nel Bresciano | In Emilia Romagna mille persone sfollate

di Redazione

» Cronaca » Maltempo, paura per una frana nel Bresciano | In Emilia Romagna mille persone sfollate

Maltempo, paura per una frana nel Bresciano | In Emilia Romagna mille persone sfollate

| mercoledì 19 Novembre 2014 - 10:26
Maltempo, paura per una frana nel Bresciano | In Emilia Romagna mille persone sfollate

Il maltempo sembra concedere una tregua e le regioni del Nord Italia, duramente colpite nei giorni scorsi, provano a tornare alla normalità. Un percorso scandito dalla conta dei danni e dalla sistemazione delle strade.

Anche il Papa, nel corso dell’udienza generale in piazza San Pietro, ha rivolto un pensiero alle vittime. “Ricordiamo anche – ha detto il Papa invitando alla udienza generale alla preghiera per i defunti, in particolare nel mese di novembre – le vittime della recente alluvione in Liguria e nel Nord Italia: preghiamo per loro e per i familiari, e siamo solidali con quanti hanno subito dei danni”.

A causa della pioggia dei giorni scorsi una grossa frana si è staccata dalla parete rocciosa che dominava Campione del Garda, nel Bresciano. Il cedimento non ha causato feriti e non ci sarebbero danni neppure alle case. La frana ha interessato l’area dei parcheggi e i massi che si sono staccati hanno però colpito una ventina di auto.

La zona è la stessa posta sotto sequestro nel luglio 2013 dalla procura di Brescia che con il pm Silvia Bonardi aveva chiesto e ottenuto il sequestro preventivo di 300 immobili iscrivendo nel registro degli indagati 20 persone accusate a vario titolo di lottizzazione abusiva e abuso d’ufficio.

Si terrà domani a mezzogiorno a palazzo Chigi l’incontro tra governo, Regioni, sindaci e autorità di bacino per definire il cronoprogramma delle prime opere da realizzare nell’ambito del piano nazionale contro il dissesto idrogeologico. L’incontro, organizzato dalla struttura di missione del governo #italiasicura contro il dissesto, sarà coordinato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio e vedrà la partecipazione del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, del presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino e del capo di #italiasicura Erasmo D’Angelis. L’obiettivo dei lavori è quello di stabilire, sulla base delle risorse disponibili, un cronoprogramma per difendere le aree metropolitane dal rischio frane o alluvioni. Le città interessate sono Roma, Milano, Napoli, Torino, Bari, Firenze, Bologna, Genova, Reggio Calabria, Cagliari, Palermo, Messina e Catania.

14.56 –  A causa del maltempo è crollata una porzione di circa 30 mq della copertura del cantiere Torelli e Dottori di via Le Conce a Fabriano. Secondo il Comitato “Alla scoperta del Giano”, questo “testimonia ancora con maggiore chiarezza come la copertura in cemento rappresenti un rischio per la pubblica incolumità e come vada integralmente rimossa. Quanto accaduto, con importanti quantità di detriti caduti nel fiume Giano e con il pericolo di ostruire il normale deflusso delle acque, è particolarmente grave. In più è avvenuto all’interno di un cantiere non presidiato con impalcature e gru”. Il comitato ha chiesto alle autorità la rimozione del cantiere. “Dopo 8 mesi dall’avvio del piano di recupero Centro Storico-Borgo – sostiene – ancora non si ha notizia della variante ai lavori prospettata, variante che dovrebbe permettere al corso d’acqua di tornare integralmente alla luce e scongiurare eventi come questo in futuro”.

14.16 – “Il primo stanziamento di 12 milioni di euro del decreto del Consiglio dei Ministri del 30 ottobre, con la dichiarazione dello stato di emergenza per effetti naturali per la Liguria, è assolutamente irrisorio a far fronte ai danni subiti. Come Comune abbiamo attivato le somme urgenze, i lavori pubblici da fare immediatamente, frane, buchi nelle strade, smottamenti, che sono stati già calcolati dopo l’evento del 9 ottobre in circa 25 milioni di euro”. Lo ha detto il sindaco di Genova Marco Doria, durante un’audizione al Senato davanti le Commissioni riunite Lavori pubblici e Territorio e Ambiente, sulle alluvioni che hanno colpito il capoluogo ligure nelle ultime settimane.

11.57 – Dopo i gravi danni causati dal maltempo del 15 e 16 novembre, la Provincia di Pavia ha chiesto al Governo lo stato di emergenza. “L’intero territorio è stato compromesso – sottolinea Daniele Bosone, presidente della Provincia -. Oltrepò, Lomellina e Pavese non sono stati risparmiati; oltre ai disagi per il cedimento del ponte sul torrente Staffora a Salice Terme e una serie di smottamenti, abbiamo anche una rete stradale provinciale al limite del collasso. La situazione non può essere affrontata con le sole risorse degli Enti locali coinvolti: serve uno stanziamento di risorse straordinarie”. La Provincia di Pavia ha stimato danni per 5 milioni di euro.

11.50 – Un frana si è verificata nel corso della notte senza provocare alcun ferito staccandosi da una parete rocciosa a Vestreno, piccolo centro montano della provincia di Lecco. Massi e detriti sono finiti in una zona di cantiere di un edificio vicino alla provinciale 67 che collega il versante montano. Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Bellano (Lecco) e del comando provinciale di Lecco che hanno compiuto un sopralluogo, installando dei rilevatori. Spostate alcune bombole di gas e smontata una gru che si trovavano in prossimità della frana.

10.01 – È proseguita tutta la notte l’attività dei tecnici della Protezione civile dell’Emilia-Romagna per il monitoraggio degli affluenti del Po in regione, in particolare nella Bassa reggiana dove in cinque Comuni il livello della piena ha superato la soglia di attenzione e dove si sono registrati allagamenti in campagna e in alcune abitazioni. Tra Piacenza e Ferrara sono circa un migliaio le persone che hanno lasciato la propria casa per precauzione; tra Brescello e Luzzara nel reggiano sono 237 gli sfollati. Per precauzione tutte le scuole dalla Bassa reggiana sono rimaste chiuse anche oggi.

 

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820