Aggiornato alle: 10:03

Helg, dopo l’arresto scattano le indagini patrimoniali

di Redazione

» Cronaca » Helg, dopo l’arresto scattano le indagini patrimoniali

Helg, dopo l’arresto scattano le indagini patrimoniali

| martedì 17 Marzo 2015 - 18:30
Helg, dopo l’arresto scattano le indagini patrimoniali

Indagine patrimoniale sui beni di Roberto Helg, ex presidente della Camera di Commercio di Palermo ed ex numero due della Gesap, arrestato mentre intascava una mazzetta da 100 mila euro da un commerciante in attesa del rinnovo del contratto d’affitto del locale che gestisce all’aeroporto di Palermo.

L’inchiesta è condotta dalle Fiamme Gialle e coordinata dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dovrà accertare l’eventuale sproporzione tra i redditi leciti e il patrimonio dell’indagato. La Procura sarebbe, inoltre, propensa a chiedere per Helg il processo col rito immediato, vista l’evidenza delle prove a suo carico e le ammissioni da lui fatte.

Resta a carico di ignoti, invece, l’inchiesta parallela su un presunto giro di mazzette all’aeroporto e sull‘eventuale coinvolgimento di altri dirigenti della Gesap nella vicenda del commerciante, il pasticcere Santi Palazzolo, al quale Helg aveva chiesto i 100 mila euro. Dall’intercettazione fatta durante la richiesta di denaro sembrerebbe che l’ex numero due della società non abbia agito da solo.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it