I carabinieri di Sessa Aurunca, coordinati dai Magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno arrestato sei persone con l’accusa di associazione mafiosa. Le operazioni hanno coinvolto le province di Caserta, L’Aquila, Oristano e Avellino.

L’indagine, ha consentito, tra l’altro, di accertare la sussistenza di un’associazione a delinquere che operava nella provincia di Caserta ed in particolare nei territori dei comuni di Sessa Aurunca, Carinola, Cellole, nonché nel basso Lazio, riconducibile al clan Esposito cd ‘Muzzoni’.

Sono Giovanni ed Emilio Esposito, fratelli del capoclan Mario, gli esponenti di vertice dell’omonimo clan operante a Sessa Aurunca, nel Casertano, e nel Basso Lazio, arrestati.

I due erano già detenuti da tempo, così come il terzo esponente di rilievo raggiunto dal provvedimento, Domenico Gallo. Erano liberi invece stamani gli altri tre indagati arrestati, ritenuti gli attuali reggenti della cosca, ovvero Luigi Zuccheroso, Orlando Lettieri e Pietro Lopatriello; quest’ultimo fu arrestato in passato per aver picchiato una calciatore della squadra di calcio di Sessa per costringerlo a pagare una tangente.