napoli chievo

Ecco le pagelle dell’anticipo della 28a giornata di Serie A tra Napoli e Chievo (clicca qui per leggere la cronaca).

NAPOLI: Reina 6; Hysaj 6, Koulibaly 6, Chiriches 5, Ghoulam 8,5; David Lopez 6,5 (dal 22′ s.t. Allan 6,5), Jorginho 5,5, Hamsik 7,5 (dal 41′ s.t. Chalobah s.v.); Callejon 7,5, Higuain 7, Insigne 6 (dal 26′ s.t. Mertens 6,5).

I MIGLIORI DEL NAPOLI

Ghoulam: Impressionante la quantità di volte in cui si presenta al cross sulla fascia sinistra. E sono tutti cross di ottima fattura. Il pareggio di Higuain per metà è merito suo, sfiora il gol con una staffilata da trenta metri. Ha una esuberanza atletica che ha distrutto il Chievo. Nella ripresa può rifiatare ma mette ancora almeno tre palloni al bacio.

Hamsik: E’ in forma e lo dimostra, gioca una marea di palloni, punta con più convinzione la porta avversaria e distribuisce tanti passaggi interessanti. Torna decisivo.

Callejon: Oggi più lui di Higuain (che comunque segna anche oggi). Callejon fa un grande movimento che talvolta ricorda anche Cavani. Il suo gol va diviso con Allan ma lui è bravissimo nei tempi di inserimento e nella deviazione vincente. Nel finale pecca di altruismo.

I PEGGIORI DEL NAPOLI

Chiriches: Nella vita ci vuole fortuna. Commette un gravissimo errore dopo 60 secondi e il Chievo va in vantaggio (con la complicità di Reina): ve l’immaginate la sua carriera se quel gol fosse costato lo scudetto? Ed invece il Napoli si riprende subito, lui continua a mostrare qualche incertezza di troppo e poi – segno del destino – segna il suo primo gol grazie al quale il Napoli va in vantaggio. Ma restano le trippe incertezze difensive a macchiare la sua pagella. Lui è chiamato a fare il difensore, il gol è solo un piacevole incidente di percorso.

Jorginho: Meno luccicante di altre volte, forse perchè a centrocampo brilla troppo la stella di Hamsik: fa il compitino, qualche errore di troppo ma anche il bell’assist per il raddoppio di Chiriches.

——

CHIEVO: Bizzarri 7; Frey 5, Dainelli 6, Cesar 6, Cacciatore 6,5; Castro 6, Rigoni 6 (dal 22′ s.t. Hetemaj), Radovanovic 5,5; Birsa 5,5 (dal 19′ s.t. Meggiorini 6); M’Poku 6, Pellissier 5 (dal 10′ s.t. Floro Flores 6). 

I MIGLIORI DEL CHIEVO

Cacciatore: Bravo. Presidia la sua fascia senza fare passare nessuno, ogni tanto – con i tempi giusti – prova qualche sortita in avanti. Un po’ più spompato nell’ultima mezzora.

Bizzarri: Sui gol non è colpevole, compie alcune parate difficili magari con poco stile e molto istinto ma nel primo tempo salva due volte su Callejon e una volta su Ghoulam; nella ripresa splendida parata (con traversa) su Higuain..

I PEGGIORI DEL CHIEVO

Frey: Sulla sua fascia di competenza il Napoli imperversa. Nè lui, nè gli altri della catena di destra riescono a trovare le contromisure. Un po’ meglio nella ripresa, quando però è troppo tardi.

Pellissier: Ha tutte le attenuanti possibili, perchè il Chievo dopo il vantaggio iniziale pensa solo a difendersi e lui resta abbandonato in avanti. Ma fa poco per farsi notare e quando gli arriva la palla giusta non ha la lucidità per segnare.