elezioni Pedro Sanchez, Josè Luis Zapatero, Leopoldo Calvo Sotelo, pablo iglesias, Pedro Sanchez, podemos, Re Felipe IV, sanchez, Sanchez bocciato, Spagna

Ennesima fumata nera in Spagna, il segretario socialista e candidato premier spagnolo, Pedro Sanchez, è stato nuovamente e definitivamente bocciato dal Congresso di Madrid .

Nel mirino di Sanchez è finito il leader di Podemos, Pablo Iglesias, accusato di “avere tradito i suoi milioni di elettori” rifiutando di votare per lui.

Sanchez è stato appoggiato solamente dal partito di centrodestra Ciudadanos131 i voti a favore (90 Psoe, 40 Ciudadanos e un nazionalista delle Canarie), 219 contrari. Fermi nelle proprie decisioni anche il Pp del premier uscente Mariano Rajoy.

E per Re Felipe VI la scelta sulle prossime mosse è davvero ardua. Si paventa un ritorno alle urne, mentre Iglesias propone un governo di sinistra con Psoe e Izquierda Unida che avrebbe 161 deputati su 350 e passerebbe con l’astensione di nazionalisti e secessionisti baschi e catalani.