Inter-Palermo, Inter Palermo, pagelle posticipi ventottesima giornata di Serie A, pagelle posticipo ventottesima giornata di Serie A, pagelle giocatori Serie A, pagelle giocatori Inter, pagelle giocatori Palermo, pagelle giocatori Inter-Palermo, pagelle ventottesima giornata serie a, Pagelle serie A, pagelle Inter-Palermo, serie A, voti posticipi ventottesima giornata di Serie A, voti posticipo ventottesima giornata di Serie A, voti Inter, voti giocatori serie a, voti Serie A, voti Palermo, voti Inter-Palermo, pagelle Inter Palermo, voti Inter Palermo

Ecco le pagelle del posticipo della 28esima giornata di Serie A tra Inter e Palermo (clicca qui per leggere la cronaca).

INTER: Carrizo 6; D’Ambrosio 6,5, Miranda 6, Murillo 6, Nagatomo 5; Medel 6,5 (dal 43′ s.t. Felipe Melo s.v.), Kondogbia 6; Palacio 6,5 (dal 34′ s.t. Biabiany s.v.), Ljajic 8 (dal 21′ s.t. Brozovic 6,5), Perisic 6,5; Icardi (cap.) 7. All.: Mancini.

I MIGLIORI DELL’INTER

Ljajic 8: Spacca la partita con il gol del vantaggio e conclude la sua gara in crescendo. Splendidi i suoi movimenti a rientrare che risultano deleteri per la fragile difesa rosanero. Senza dubbio il migliore in campo, per qualità e quantità. E va comunque sottolineata la grande prova di carattere offerta, una risposta importante a tutti i suoi detrattori.

Icardi 7: In area di rigore è micidiale, le statistiche lo collocano infatti tra gli attaccanti più prolifici in campionato nel rapporto gol-minuti giocati. I suoi movimenti in profondità sono il grimaldello voluto da Mancini per “aprire” il Palermo, una soluzione tattica che ha funzionato alla perfezione. Una partita da leader.

I PEGGIORI DELL’INTER

Nagatomo 5: Soffre tanto l’irruenza di Rispoli, questa sera è stato lui l’anello debole della difesa nerazzurra. Il giapponesino, d’altronde, ci ha spesso abituato ad apprezzare le sue sortite offensive e a storcere il naso in occasione dei suoi ripiegamenti difensivi. Certamente non la sua serata migliore.

PALERMO: Sorrentino (cap.) 7; Vitiello 5, Gonzalez 4, Andelkovic 4; Rispoli 6,5 (dal 39′ s.t. Balogh s.v.), Hiljemark 5 , Maresca 5, Chochev 5,5 (dal 21′ s.t. Quaison 5), Pezzella 6; Vazquez 7,5, Gilardino 5,5 (dal 26′ s.t. Djurdjevic s.v.). All.: Iachini.

I MIGLIORI DEL PALERMO

Vazquez 7,5: Franco, ovvero il Palermo. Cosa sarebbero senza di lui i rosanero? La risposta, il buon Beppe Iachini, la conosce bene: calcio e mediocrità. Ecco perché lui gioca spesso da solo, praticamente senza ruolo. Come in occasione del gol dell’1-2 quando riesce a far suo un assist che Rispoli aveva destinato ad un altro compagno. Ha la licenza del fuoriclasse, ma in questo Palermo spesso non è valorizzato a dovere.

Rispoli 6,5: Corre tanto e spesso anche bene. Sulla corsia di sinistra l’Inter non è sembrata impeccabile, il merito è anche dell’ex terzino della Samp. Suo l’assist per il gol di Vazquez, suoi gli unici cross interessanti nell’area nerazzurra.

I PEGGIORI DEL PALERMO

Gonzalez-Andelkovic 4: Se Ljajic e Icardi sono sembrati dei giganti, il “merito” è in buona parte dei entrali rosanero. Gonzalez non ha più testa già da qualche mese, le sue indecisioni e le sue sbavature vanno diventando sempre più preoccupanti. E i 50 gol subiti dal Palermo ne sono una prova evidentissima. Andelkovic è quello che è, un buon gregario con dei limiti che sistematicamente vengono fuori nei momenti di difficoltà.

Hiljemark 5: A Palermo lo hanno coccolato come si fa con un “golden boy”. Ma lui, lo svedesino col numero 10 sulle spalle, sta perdendo molto dello smalto mostrato ad inizio campionato. C’è chi giura che sia già del Milan, c’è invece chi lo accosta al Napoli, fatto sta che anche oggi non è uscito dal campo a testa alta. È spesso fuori posizione, precipitoso, tatticamente ininfluente. Insomma, molto male.