Chung Eui-yong, corea del nord, corea del sud, delegazione corea, delegazione sudcorea, Pyongyang sudcorea

La Corea del Nord risponde con parole “di fuoco” all’inizio delle esercitazioni militari congiunte tra Corea del Sud e Stati Uniti. Pyongyang ha infatti avvertito che potrebbe lanciare un “attacco nucleare offensivo e preventivo”.

Secondo la commissione nazionale Difesa, quelle “tenute dai nemici, sono esercitazioni di guerra nucleare mascherate volte a violare la sovranità della Corea del Nord”. L’esercitazione chiamata “Key Resolve” e “Foal Eagle”, vede impegnati 15mila militari statunitensi e 30mila sudcoreani.

A supporto dei militari, anche una portaerei e alcuni sottomarini a propulsione nucleare: “Le esercitazioni militari congiunte organizzate dai nemici sono percepite come non celate manovre di guerra nucleare volte a minare la nostra sovranità”, si legge in un comunicato diffuso dalla Corea del Nord.