Zamparini, Zamparini Palermo

Con Maurizio Zamparini noi si può dire mai la parola fine. Nuovi aggiornamenti arrivano sulla situazione del Palermo, dopo il putiferio esploso oggi nel pomeriggio con le dimissioni di Iachini.

Il presidente dei rosanero ha rifiutato le dimissioni di Iachini, delegando ai giocatori il compito di convincere il tecnico a rimanere. Dietro questa richiesta si cela anche un accordo con Ballardini che non sarebbe stato trovato.

Ma c’è di più: intervistato da Sportitalia in serata, non solo ha confermato il rifiuto alle dimissioni ma si è reso protagonista anche di una provocazione: “Sapete chi si dimetterà questa settimana? Zamparini. Mi sono rotto le scatole. Ho 75 anni e a giugno non sarò più il presidente. Circa tre mesi fa avevo chiesto a Trapattoni se volesse fare il presidente del Palermo perché non riesco a seguire la squadra da vicino, ma mi ha detto di no. Ma la soluzione l’ho trovata: la settimana prossima saprete“.

E prosegue: “Mi metto in disparte e non voglio più leggere che questa squadra la sto facendo retrocedere. Per me questa squadra è buona. Metto una persona competente in società e mi levo dalle palle”.