Roma, Spalletti, Spalletti parole, Spalletti conferenza stampa, Spalletti Manolas, Spalletti nuovo stadio Roma, Spalletti morto, Spalletti stadio Roma morto

Ecco le pagelle del match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra Roma e Real Madrid (clicca qui per leggere la cronaca).

REAL MADRID: Navas 6.5; Danilo 5.5, Pepe 6, Ramos 5.5, Marcelo 6; Kroos 6, Modric 6.5 (30′ s.t. Jese), Casemiro 6 (38′ s.t. Kovacic); Bale 6.5 (16′ s.t. Vasquez), Ronaldo 7.5, James Rodriguez 7. All. : Zidane

———-

ROMA: Szczesny 7; Florenzi 5.5, Manolas 6.5, Zukanovic 5.5, Digne 5.5; Keita 5 (41′ s.t. Maicon), Pjanic 6 (1′ s.t. Vainqueur 5.5); Salah 6, El Shaarawy 6 (29′ s.t. Totti); Perotti 5; Dzeko 5. All. : Spalletti

I MIGLIORI DELLA ROMA

Salah: Inizio in ombra per l’egiziano poi si accende. Suo il contropiede sulla destra che crea l’occasione per Dzeko. Il suo scatto mette in difficoltà la retroguardia Blancos, che a tratti lo perde. Fa ripartire lui l’azione. Anche lui però si divora un occasione clamorosa.

Manolas: Guida la difesa con personalità e regge agli attaccdi del Real nel primo tempo. Ottimi anticipi a fermare il contropiede. Nel secondo tempo: va in affano sul piano fisico e inizia a soffrire Ronaldo.

Szczesny: Prova di maturità per il portiere polacco. Tiene aperta la partita con una serie di parate sia in tuffo sia in uscita. Sicuro in ogni intervento, in alcuni casi davvero miracoloso. Regge finchè può: la tacchettata in faccia sa di pugno nello stomaco, per lui e per la Roma.

I PEGGIORI DELLA ROMA

Dzeko: Viene schierato da Spalletti come “falso nueve”, alternando la presenza in area allo smistare palla sulla trequarti. I metri fatti in più li paga sotto porta: poco lucido in occasione della palla gol nel primo tempo, tutto solo in area.

Perotti: I soliti movimenti senza palla, ma stasera qualcosa è mancato. Nel ruolo esterno non ha lo stesso rendimento che da prima punta (pur camuffata). poco incisivo, non salta mai l’uomo. Unico squillo il tiro al volo nel finale.