Michele Andreano, legale del giovane arrestato assieme a Marco Prato per l’omicidio del 23enne Luca Varani a Roma, dà delle attenuanti al suo assistito, Manuel Foffo. “Non avrebbe ucciso” se non fosse stato “un consumatore abituale di cocaina”.

“Chiederò la perizia psichiatrica, magari possiamo arrivare all’infermità parziale”, ha aggiunto.

Sempre Andreano ha reso noto che “Manuel ha detto anche oggi che è stato Marco Prato a dare il colpo finale a Luca Varani. Lo ha ribadito oggi con dovizia di particolari”. Sono le parole del legale in merito all’interrogatorio di garanzia appena concluso nel carcere di Regina Coeli. “Foffo ha confermato al Gip – prosegue il penalista – che ad usare il coltello è stato Prato”.

Intanto l’avvocato di Prato ha riferito che il suo assistito “si è dimostrato pentito” e “non si avvarrà della facoltà di non rispondere”.

Intanto dalle indagini è emerso un inquietante precedente che coinvolge Marco Prato e la sua abitazione.