Alexander Ivanov, edm, esa, Esa-Roscosmos, ExoMars, Giovanni Schiapparelli, Kazakistan, missione esa, missione Exomars, tgo, Trace Gas orbiter

Alle 10.31 ore italiane, dalla base di Baikonur in Afghanistan, è partita la missione spaziale europea ExoMars. Condotta in collaborazione con l’agenzia russa Esa-Roscosmos e la leadership italiana scientifica, industriale e tecnologica, l’Europa oggi vola su Marte.

In primo piano anche l’industria italiana Thales Alenia Space ed il Gruppo Finmeccanica. #Italiavasumarte è l’hashtag ufficiale della missione dell’Agenzia Spaziale Europea. La ExoMars è suddivisa in due fasi.

Nella prima, quella in partenza oggi, c’è la sonda Trace Gas Orbiter (Tgo) che resterà nell’orbita di Marte mentre un modulo ed il lander Edm atterrerà su Marte (Meridiani Planum).

L’Entry, Descent and Landing Demonstrator Module, battezzato ‘Schiaparelli’ porta a bordo la stazione meteo “Dreams” e altri strumenti.

Nella seconda parte della missione, che prenderà il via nel Maggio 2018, l’obiettivo è di portare sul Pianeta Rosso un innovativo rover capace di muoversi, dotato di strumenti per penetrarne e analizzarne il suolo.

ExoMars è stato concepito e realizzato per acquisire e dimostrare la capacità autonoma europea di eseguire un atterraggio controllato sulla superficie marziana, operare sul suolo marziano in mobilità di superficie, accedere al sottosuolo per prelevarne campioni e analizzarli in situ.

ExoMars, grazie alla Russia, segna il risveglio del settore aerospaziale e della ricerca di base per l’Italia nel Cosmo, sotto la Direzione di Alexander Ivanov, Capo della Russian Federal Space Agency.