marco pantani, non fu suicidio, nuova indagine, marco patani fu ucciso, omicidio pantani, marco pantani, pantani costretto a bere cocaina, procura di rimini,

Il ‘caso Pantani’ riserva sempre sorprese e così a 12 anni dalla morte di Marco, ecco nuove rivelazioni. L’indiscrezione, in esclusiva, è citata da Premium Sport. 

Si tratta di una intercettazione telefonica nella quale l’uomo, che secondo Renato Vallanzasca confidò in prigione al criminale milanese quale sarebbe stato l’esito del Giro d’Italia del ’99, ovvero che Pantani, che fino a quel momento era stato dominatore assoluto, non avrebbe finito la corsa, parla con un parente dopo essere stato interrogato dalla polizia.

Dopo le dichiarazioni di Vallanzasca e le successive indagini, la Procura di Forlì e di quella di Napoli hanno identificato l’uomo, lo ha interrogato e il sospetto ha telefonato da un parente. La telefonata che la Procura ha intercettato è stata diffusa da Premium Sport.

Sempre Mediaset ha sentito la madre di Pantani, la signora Tonina: “Ringrazio la Procura di Forlì che ci ha messo impegno. Sono parole che fanno male, una conferma di quel che si diceva, ma che riabilitano la dignità di Marco; per me non l’aveva mai persa. Da oggi, la gente potrà dire: finalmente la verità”.