Juventus, conferenza stampa Juventus, conferenza stampa Allegri, formazioni Genoa Juventus, ultime Genoa Juventus, Genoa Juventus vigilia, Genoa Juventus Higuain,

Ecco le pagelle del match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra Bayern Monaco e Juventus (clicca qui per leggere la cronaca).

BAYERN MONACO: Neuer 6; Lahm 5,5, Kimmich 5, Benatia 5,5 (dal 1′ s.t. Bernat 6), Alaba 4,5; Vidal 6,5; Douglas 7,5, Müller 7,5, X.Alonso 6,5 (dal 15′ s.t. Coman 7,5) , Ribery 7 (dall’11’ s.t.s. T.Alcantara s.v.); Lewandowski 7. All. Guardiola 5.

———–

JUVENTUS: Buffon 7; Lichtsteiner 7, Bonucci 5,5, Barzagli 6, Evra 6; Khedira 6 (dal 23′ s.t. Sturaro 5), Hernanes 6,5, Pogba 7; Cuadrado 7,5 (dal 44′ s.t. Pereyra s.v.), Morata 8 (dal 27′ s.t. Mandzukic 6), Alex Sandro 6,5. All. Allegri 8.

I MIGLIORI DELLA JUVENTUS

Morata 8 – Una forza della natura, non c’è altro modo di definirlo. Sia sul piano atletico che su quello tecnico, questa sera, è stato irreprensibile. Buona parte del merito va senza dubbio ad Allegri che gli “disegna” addosso il ruolo di interlocutore d’attacco con Cuadrado e Alex Sandro. Dalle sgroppate, ai colpi di fino: per lui solo applausi.

Pogba 7,5 – Finalmente in gol. E sembra anche un paradosso sottolinearlo visto che parliamo del giocatore con il maggior numero di tiri in porta in questa edizione della Champions League. Ricama calcio di alta qualità e sforna assist a ripetizione. Gioca molto avanzato, anche questo un innegabile merito di Allegri.

Cuadrado 7,5 – Gol e mille discese sulla fascia. Questo è il Cuadrado che Allegri ha sempre voluto: tatticamente puntuale e tecnicamente ispirato. Questa sera fa il bello e il cattivo sulla sua fascia di competenza, a tratti è incontenibile. Il gol premia la sua partita di grande sacrificio, manca solamente un pizzico di cattiveria in più sottoporta. Ma questa sera sono solo dettagli.

I PEGGIORI DELLA JUVENTUS

Bonucci 5,5 – Si perde Lewandowski in occasione del gol dell’1-2. Un gol che ha fatto soffrire tantissimo la Juve e che per poco non finiva per macchiare una partita monumentale. Bonucci, lo sappiamo bene, è anche questo. In Nazionale come nella Juve. Nel bene e nel male.