imprenditore ferrarese nullatenente sequestro da 13 milioni di euro, maxisequestro ad imprenditore nullatenente

Il Tribunale di Ferrara ha deciso una confisca da 13 milioni, su richiesta di Procura e Guardia di Finanza ad un imprenditore Ferrarese. Aldilà della cifra, quello che lascia sgomenti è il fatto che l’uomo risulta ‘nullatenente’.

L’imprenditore ha condanne per bancarotta fraudolenta, evasione fiscale, turbata libertà degli incanti, falso in atto pubblico e calunnia. Ora i suoi beni, intestati a prestanomi, sono sotto sequestro conservativo.

Ora i suoi beni, intestati a prestanomi, sono sotto sequestro, compresa una villa con parco e piscina, tre edifici con decine di appartamenti e abitazioni in centro a Ferrara.

L’indagine ha individuato società create ad hoc, anche estere, e amministratori compiacenti, attraverso i quali l’indagato avrebbe più volte venduto e ricomprato i cespiti confiscati, per impedire di ricondurre a lui il patrimonio e dunque, secondo l’accusa, frodare il fisco. Scoperti anche mutui ottenuti con false perizie.